woolrich prezzi donna ecco la storia del talento dell

peuterey piumini outlet ecco la storia del talento dell

Antoine Griezmann ha portato in finale l Madrid di Diego Pablo Simeone. Le Petit Diable, il piccolo Diavolo com soprannominato in Francia, ancora una volta ha deciso una partita a favore della sua squadra dimostrandosi un calciatore di grande talento. Eppure, emergere per il classe 91 non è stato affatto facile. Inizia a giocare all di 6 anni ma in patria viene scartato a tutti i provini per via del suo fisico molto esile. Griezmann, però, non demorde: il suo sogno è quello di diventare calciatore professionista. Nel 2005, in prova al Montpellier, gioca una partita amichevole contro le giovanili del Psg e la Real Sociedad si accorge di lui e gli offre un periodo di prova a San Sebastian. La società spagnola si innamora del piccolo talento francese che compie tutta la trafila nelle giovanili fino ad esordire in prima squadra nel 2009: Griezmann si mette in mostra realizzando 52 reti in 202 presenze con la maglia della Real Sociedad in sei stagioni. Nel luglio del 2014 è giunto il momento, all di 23 anni, di fare il salto di qualità: l Madrid del Cholo Simeone paga per intero la clausola rescissoria, 30 milioni di euro, e lo porta al Calderon.

Nella scorsa stagione mette a segno 25 reti complessive in 53 partite: 22 in Liga, 2 in Champions League e una in Coppa del Re. Griezmann, da perfezionista qual è, si rende conto che non è abbastanza e in questa stagione si è a dir poco superato: sono già 31 le reti al suo attivo e mancano ancora tre partite per concludere un fantastica. 21 reti in campionato, 3 in Coppa del Re e ben 7 in Champions League per un totale di 103 presenze e 56 reti con la maglia dell Madrid. Il suo contratto scadrà il 30 giugno del 2020 e chi vorrà Griezmann dovrà bussare molto forte alla porta dei colchoneros: il suo valore si è quasi raddoppiato e ora vale almeno tra i 50 60 milioni di euro. Il classe 91 è uno dei punti fermi della Francia di Deschamps con cui ha messo a segno 7 reti in 26 presenze e sarà presente anche all che i Galletti giocheranno in casa nel mese di giugno. Prima, però, l Real Sociedad ha una Liga e una Champions League da conquistare in barba agli scettici che in patria non hanno mai creduto nelle sue potenzialità.
woolrich prezzi donna ecco la storia del talento dell

www peuterey it sito ufficiale gica y cervicofacial

spaccio aziendale peuterey gica y cervicofacial

ResumenLa ciruga de la otospongiosis, cuyo origen se remonta a la dcada de 1960, es una ciruga funcional que proporciona buenos resultados. En ms del 95% de los pacientes se logra mejorar la audicin. La indicacin quirrgica debe plantearse con cuidado y se basa en el anlisis de factores tanto auditivos como generales. La presencia de una hipoacusia de transmisin y que cause problemas sociales es una condicin indispensable. La Socit Franaise d’Oto rhino laryngologie et de Chirurgie de la Face et du Cou recomienda la realizacin de una exploracin mediante tomografa computerizada (TC), para poner de manifiesto el foco de otospongiosis. Pueden utilizarse varias tcnicas: platinectoma parcial o total y platinotoma con o sin lser. Hasta el momento, ningn metaanlisis ha sintetizado los resultados de la ciruga de la otospongiosis. Ningn estudio de este tipo permite en la actualidad afirmar que una tcnica quirrgica sea inferior o superior a las dems. El estudio de las grandes series histricas y ms recientes de la literatura muestra una estabilidad de los resultados desde hace muchos aos. El riesgo de complicaciones postoperatorias debe tenerse en cuenta y hay que explicarlo al paciente, sobre todo el de cofosis postoperatoria, que se estima en un 0,5 1% de las intervenciones. Las otras complicaciones estn dominadas por la disgeusia (a menudo reversible), el vrtigo y la perforacin de la membrana timpnica. Estas complicaciones pueden provocar conflictos con los pacientes cuando no se han explicado antes de la intervencin y si no se han presentado y comentado las alternativas teraputicas. La comprensin y aceptacin por parte del paciente de los riesgos quirrgicos son aspectos esenciales. La informacin ofrecida al paciente debe ser lo ms clara y completa posible, basndose en los datos de la literatura mdica. Es indispensable cumplimentar un consentimiento informado, del que existen varios modelos que pueden consultarse en lnea en las distintas pginas de Internet de las sociedades de otorrinolaringologa (ORL) de los diversos pases.

El texto completo de este art est disponible en PDF.

Colocacin del paciente y del cirujano

Complicaciones intraoperatorias de la ciruga de la otospongiosisLuxacin del yunqueComplicaciones en el odo medioEn virtud de la Ley N 78 17 del 6 de enero de 1978, relativa a las computadoras, archivos y libertades, usted tiene el derecho de oposici (art.26 de la ley), el acceso (art.34 a 38 Ley), y correcta (art 36 de la ley) los datos que le conciernen. Por lo tanto, usted puede pedir que se corrija, complementado, clarificado, actualizado o suprimido informaci sobre usted que son inexactos, incompletos, enga obsoletos o cuya recogida o de conservaci o uso est prohibido.

La informaci personal sobre los visitantes de nuestro sitio, incluyendo su identidad, son confidenciales.

El jefe del sitio en el honor se compromete a respetar la confidencialidad de los requisitos legales aplicables en Francia y no de revelar dicha informaci a terceros.
www peuterey it sito ufficiale gica y cervicofacial

peuterey damenjacke En Praga vive el Art Nouveau

peuterey kinderjacke En Praga vive el Art Nouveau

Viaje al periodo que se ha grabado en la conciencia cultural checa como ningn otro.

una mirada al secreto que se oculta por debajo del ondulante velo del Art Nouveau! Se revelar ante usted una era de revolucionarios inventos, increbles avances tecnolgicos y el nacimiento de la sociedad moderna. Este ao, la Repblica Checa espera un interesante fenmeno. Algunas galeras y museos ofrecern exhibiciones de gran categora que tienen un tema en comn Art Nouveau. Para los amantes del arte, el ao 2013 puede ser llamado con exageracin el Ao del Art Nouveau.

Probablemente, el ms importante artista del Art Nouveau checo es, sin duda, Alfons Mucha (1860 1939). Trabaj no solo en lo que hoy es la Repblica Checa, sino también en Viena, Paris y los Estados Unidos. Sus carteles, en los que retrata a la sobrenaturalmente hermosa actriz francesa Sarah Bernhardt, lo hicieron conocido en todo el mundo. Las reproducciones de sus ilustraciones, pinturas y decoraciones son hasta el da de hoy una parte inseparable de muchos hogares. Ivan Lendl, el famoso tenista de origen checo y admirador de Alfons Mucha, luego de terminar su carrera decidi que con la ayuda de Ji, el hijo de Mucha, creara una coleccin completa de los carteles ms famosos. Por primera vez en la historia, est coleccin se exhibe en la Casa municipal de Praga hasta fines de julio. Se dice que durante su vida Mucha cre un total de 154 carteles, en la exhibicin podrn verse 151 originales, as que si desea ver con sus propios ojos la genialidad de la obra de Mucha, esta es una oportunidad nica.

Si no puede llegar a Praga antes de fines de julio, no se desespere. La Casa Municipal una perla de la arquitectura Art Nouveau tarda vuelve a abrir sus salas de exposicin el 1 de noviembre. La exposicin de Art Nouveau europeo y checo, organizada por el Museo de Artes Aplicadas, es parte de un ciclo de exhibiciones conjuntas en lapsos temporales. La temtica es el arte entre fines del siglo 19 y principios del 20, principalmente en las artes aplicadas. Toda la exhibicin se limita al perodo entre 1980 a 1914, dentro del cual se encuentra la construccin misma de la Casa Municipal. Podr admirar no solo la belleza de los objetos expuestos, sino también los interiores histricos perfectamente conservados. El eje de la exposicin es el desarrollo de la sociedad y del estilo de vida, con incursin en las reas de la filosofa, la sociologa y las ciencias naturales. Durante los tres aos que durar la exhibicin, los objetos expuestos irn variando , as que no dude en visitarla ms de una vez.

Alfons Mucha dedic casi 15 aos de su vida a pintar veinte cuadros de gran formato titulados La Epopeya Eslava, la cual resume la historia de los checos y otras naciones eslavas. La obra en su totalidad es simplemente monumental. La mayora de los cuadros tiene dimensiones de 6 x 4 metros, y es por ello que fue muy difcil encontrar en Praga un lugar en donde puedan ser exhibidas todas al mismo tiempo. Finalmente, a partir de 2012, se pueden ver el vestbulo del Palacio Ferial, que pertenece a la Galera Nacional.

Praga en s misma est llena de edificios que se encuentran entre los mximos ejemplos de la arquitectura Art Nouveau. Si prefiere el aire fresco, no se pierda la Casa Municipal, los edificios en la calle Pask, la Villa Blek o el Gran Hotel Evropa en la Plaza Wenceslao. gustara llevar a casa un pedazo de Art Nouveau? hay problema! Moser, una empresa cristalera con ms de 150 aos de tradicin, sigue fabricando productos cuyo diseo modernista no ha cambiado desde la época en que Mucha pint sus cuadros.
peuterey damenjacke En Praga vive el Art Nouveau

nuova collezione giubbotti peuterey dolos tentadores

piumini donna woolrich dolos tentadores

ROMA, 9 de diciembre del 2010 “Polite esta palabra apareci como un rayo en un reciente discurso de Benedicto XVI en el s de obispos del Medio Oriente, es decir, precisamente en la tierra natal del Dios hecho hombre, Jes y de los m poderosos monote de la historia, el jud y el musulm

“Credo in unum Deum” es el poderoso acorde del que tiene principio la sinfon de la doctrina cristiana. Pero para Joseph Ratzinger, Papa te el polite no est muerto para nada. Es el desaf perenne que tambi hoy se yergue contra la fe en el Dios.

“Pensemos en las grandes potencias de la historia de hoy”, continu el Papa en el s Los capitales an la violencia terrorista, la droga, la tiran de la opini p son las modernas divinidades que esclavizan al hombre. Deben caer. Se debe hacer que caigan. La ca de los dioses es el imperativo de ayer, de hoy, de siempre para los creyentes en el Dios verdadero.

Pero el polite de hoy no est hecho s de potencias oscuras. Sus muchos dioses tienen tambi rostro ben y capacidad de seducir.

Es la “gaia ciencia” vaticinada por Nietzsche hace m de un siglo, que ofrece a cada hombre “la m grande ventaja”: la de “erigir su propio ideal y derivar de ello su ley, sus alegr y sus derechos”.

Es el triunfo del libre arbitrio individual, sin tener m el yugo de una tabla de la ley, una sola para todos porque est escrita por un Dios intratable.

Esa admiraci por el “Genio del cristianismo” que hab inflamado Chateaubriand y los rom cede hoy el paso a un redescubrimiento entusiasta del “Genio del paganismo”, t de una peque obra del antrop franc Marc Aug

En Italia otro antrop Francesco Remotti, embiste contra “La obsesi de la identidad”, t de su libro, y reprende al Papa, en otro libro suyo en forma de carta, por su obstinado proceder “contra natura”, contra una modernidad que por el contrario hace gustar las maravillas del polite as l pluralista, tolerante, liberador.

EL “ESP DE AS

Cierto, el actual revivificarse del polite no vuelve a poner marcha el culto a J y a Juno, a Venus y a Marte. Pero la filosof de los paganos cultos del imperio de Roma vuelve a aflorar intacta en el razonamiento de tantos modernos partidarios del “pensamiento d Y no s de estos. Quien hoy lee nuevamente diecis siglos despu la disputa entre el monote Ambrosio, el santo patrono de Mil y el polite S senador de al Roma pagana, se siente fuertemente tentado de dar raz al segundo, cuando dice: ” importa por cual v cada uno busque, seg el propio juicio, la verdad? No por un solo camino se puede llegar a un misterio tan grande como ese”.

La magn paridad entre todas las religiones y los dioses, que estas palabras parecen inspirar encanta tambi a muchos cristianos. El “esp de As nacido de la reuni multirreligiosa que all se tuvo en 1986, ha contagiado en tal modo el difundido sentir que en el 2000 la Iglesia de Juan Pablo II y del entonces cardenal Joseph Ratzinger se sinti en el deber de recordar a los cat que hab un solo salvador de la humanidad, y es el Dios hecho hombre en Jes una verdad sobre la cual todo el Nuevo Testamento se sostiene o cae, una verdad que en dos milenios la Iglesia jam hab sentido la necesidad de reafirmar con un pronunciamiento “ad hoc”. Sin embargo, la declaraci del 2000, la “Dominus Iesus”, fue acogida con un fuego de protestas, de dentro y fuera de la Iglesia, por su exclusi de una pluralidad de caminos de salvaci todos en s suficientes y plenos de gracia y verdad.

Que en estos sentimientos se anide la nostalgia por una pluralidad de dioses es posible, pero el polite de hoy en d a nivel de masa, es m sutil.

La idea corriente es que las varias religiones son a su modo, todas, expresi de un “divino”. Y sin embargo, esta divinidad suma, como ya explicaba a Ambrosio el pagano S es imposible de conocer y lejana, demasiado lejana para apasionar a los hombres y cuidar de ellos.

De un escritor latino del siglo III, Minucio F nos ha llegado otro di muy refinado, en el cual el pagano Cecilio, paseando sobre el litoral de Ostia, despu de haber rendido homenaje a una estatua de Ser explica que “en las cosas humanas todo es dudoso, incierto, indeciso”, pero precisamente por esto es bueno seguir la religi de los antiguo y adorar “aquellos dioses que nuestros padres nos ense a temer, m que a conocer de muy cerca”.

En una homil en la plaza San Pedro del pasado 11 de junio, Benedicto XVI dijo que “extra este pensamiento volvi a resurgir en el Iluminismo”. Y en efecto un campe de la edad de las luces como el no creyente Voltaire ordenaba a sus familiares y a la servidumbre reverenciar al cristianismo y a sus preceptos, por motivos de buena crianza c Quiz Dios exista. Y quiz es quien ha creado el mundo. Pero luego se ha desinteresado del mismo de tal manera que ha desaparecido del horizonte vital. Su bondad consiste en no producir molestia alguna.

Y as bajo el cielo de esta divinidad vaga y remota, la tierra se ha poblado de nuevos dioses. Con uniforme laico y pragm

POLITE DE LOS VALORES

Ya en el siglo XIX, en sus “Ensayos sobre la religi el economista y fil John Stuart Mill escribi que el polite era largamente m funcional que el monote para describir la pluralidad de que caracterizaban el escenario de vida de la primera sociedad industrial. Y Max Weber, a inicios del siglo XX, acu la f de “Polytheismus der Werte”, polite de los valores, precisamente para indicar el pante de la moderna sociedad.

En un mundo ya desencantado, sin tener m un Dios que proclame mandamientos v para todos, cada una de las esferas sociales desde la pol a la econom del arte a la ciencia y a la misma religi es regida por un dios propio con sus or Or frecuentemente en conflicto entre ellos, con el hombre dram solo a la hora de las decisiones.

Weber, con el impecable distanciamiento del estudioso, no dijo si este moderno polite fuese un bien o un mal. Pero otros pensadores venidos despu de ya no esconden hacia donde van sus simpat

En la segunda mitad del siglo XX, a la “teolog pol del monote propugnada por Erick Peterson (un autor entre los m le y admirados por Joseph Ratzinger desde que era un joven profesor), el fil alem Odo Marquard opone una “teolog pol del polite y en el t de su ensayo alaba dicho polite con el calificativo de “iluminado”. A su juicio, el hombre tiene siempre necesidad de mitos, y lo importante es que tales mitos sean muchos y abiertos a infinitas variaciones, como en la mitolog antigua, al contrario del juda y del cristianismo que se apoyan en hechos hist e incontrovertibles.

En Espa la fil Mar Zambrano ha puesto el dedo contra el ascetismo de origen medieval de la espiritualidad cristiana, destructivo de los sentimientos. Es la poes a su juicio, la que puede liberar al hombre del “monolitismo” y restituirlo a su alegre polite nativo.

En Italia es Salvatore Natoli el fil que defiende una ” del infinito”, un es decir, conjunto de referencias “polite m que ofrezcan al hombre puntos de apoyo, jam definitivos, pero siempre capaces de salvarlo provisionalmente de la anarqu de los instintos.

Pero seguramente la obra que ha infundido m en la cultura italiana contempor una revaloraci del polite es m literaria que filos es “Las bodas de Cadmo y Armonia”, de Roberto Calasso, de 1988, con su evocaci gloriosa de la mitolog cl

PARA UN REENCANTAMIENTO DEL MUNDO

A pesar del “desencanto del mundo” descrito por Weber, la sociedad moderna no parece inmune a la opuesta seducci de un mundo nuevamente encantado.

Alain de Benoist, pensador de la “nouvelle droite” franc es el m ardoroso pregonero de este retorno a la sacralidad neopagana

Para la corriente cultural que representa, el gran enemigo es precisamente el juda y el cristianismo con su idea “desacralizante” de creaci En efecto, si no hay otro Dios aparte del Dios las creaturas ya no tienen nada de divino y hasta los astros, como dice la primera p del G son simples “luminarias” que penden del Creador a su vez celeste para marcar el d y la noche. El mundo es definitivamente entregado a su profanidad.

Observa Leonardo Lugaresi, docente en Bolonia y Par y especialista de cristianismo antiguo: “En el reclamo que hoy se le hace al cristianismo de ser responsable de la desacralizaci del mundo, la que vuelve a entrar en juego, bajo nuevas formas, no es sino la vieja acusaci de ate a los cristianos de los primeros siglos”.
nuova collezione giubbotti peuterey dolos tentadores

prezzi giubbotti peuterey fichajes y rumores del mercado de invierno

giubbotti invernali uomo fichajes y rumores del mercado de invierno

FICHAJES CONFIRMADOS: Coutinho (Liverpool) , Yerry Mina (Palmeiras)SALIDAS OFICIALES: Arda Turan (Istambul Basaksehir) , Rafinha (Inter, cedido) , Javier Mascherano (Hebei Fortune) , Gerard Deulofeu (Watford, cedido)

ATLTICO DE MADRIDFICHAJES CONFIRMADOS: Vitolo (Las Palmas) , , Mathieu Flamini (libre).

RUMORES: Rodri (Villarreal) temporada 2018 19 , Lautaro Martnez (Racing Club),José Luis Rodrguez (Danubio),Samu Castillejo (Villarreal)

SALIDAS OFICIALES: Luciano Vietto (Valencia, cedido) ,Diogo Jota (Wolves), Augusto Fernndez (Beijing Renhe),Gaitn (Dalian Yifang), Carrasco (Dalian Yifang),Miguel ngel Moyà (Real Sociedad, libre)FICHAJES OFICIALES: Luciano Vietto (Atlético, cedido) , Francis Coquelin (Arsenal)

RUMORES: Sandro (Everton), Lucas Moura (PSG), Aleix Vidal (Barcelona), Darmian (Manchester United), Sturridge (Liverpool)

SALIDAS CONFIRMADAS: Fabin Orellana (Eibar),Rober Ibaez (Getafe), Rafa Mir (Wolverhampton), Nacho Gil (Las Palmas, cedido)

FICHAJES CONFIRMADOS: , Vincenzo Montella (entrenador) , Miguel Layn (Porto, cedido) , , Sandro (Everton, cedido)

RUMORES: Marcelo Brozovic (Inter Miln)

SALIDAS OFICIALES: Eduardo Berizzo (entrenador), Walter Montoya (Cruz Azul) , Borja Lasso (Osasuna, cedido con opcin de compra),Michael Krohn Dehli (Deportivo)

FICHAJES OFICIALES: Roger Martnez (Jiangsu Suning) , Salem Al Dawsari (Al Hilal, cedido), Javi Fuego (Espanyol)

VUELVEN DE CESIN: Enes Unal (Levante).

SALIDAS CONFIRMADAS:Cédric Bakambu (Beijing Guoan), Matas Nahuel (Barcelona B, cedido),Akram Afif (Al Sadd, cesin)
prezzi giubbotti peuterey fichajes y rumores del mercado de invierno

woolrich da donna Ecuador nell

giacca donna woolrich Ecuador nell

Stato dell Meridionale; capitale . Confina a N con la , a E e a S con il Perù; a O si affaccia sull Pacifico. attraversato dall che gli dà il nome. Appartiene all l delle Galpagos, a 980 km dalla costa. Un secolare contenzioso confinario con il Perù è stato composto nel 1998.

1. Caratteri fisici

Il territorio dell va distinto in una regione costiera (Costa), una andina (Sierra) e una amazzonica (Oriente). La Sierra (1/4 della superficie totale) consta di due catene, la Cordigliera Occidentale e la Cordigliera Orientale (o Reale). Una quarantina sono gli apparati vulcanici, molti dei quali attivi (Chimborazo, 6310 m; Cotopaxi, 5897 m; Sangay, 5413 m), e forte è la sismicità. Tra le cordigliere si aprono altopiani (Ibarra, , Latacunga, Ambato, Riobamba, Cuenca, Loja). Lungo la costa si sviluppa una pianura alluvionale, in parte acquitrinosa, alle cui spalle si ergono alcuni sistemi di colli che si ricollegano con le Ande.

Il clima manifesta una marcata stagionalità. Il versante andino orientale riceve precipitazioni costanti, superiori ai 2000 2500 mm annui; quello occidentale (1000 1500 mm annui) e i bacini intermontani presentano invece periodi di aridità. La regione costiera meridionale ha caratteri subdesertici. Il sistema andino fa da spartiacque tra il bacino del Rio delle Amazzoni, in cui defluiscono Napo, Pastaza, Zamora ecc., e il Pacifico, verso il quale scorrono fiumi più brevi e ripidi (Daule ed Esmeraldas sono i principali). La foresta, equatoriale nel Bassopiano Amazzonico, subtropicale e temperata sulle cordigliere, verso i 3000 m è sostituita da praterie; lungo la costa pacifica, a N, si hanno formazioni tropicali che, procedendo verso S, trapassano nella savana e nella steppa xerofila. Interessanti i dati forniti dall che testimoniano influenze mesoamericane (nella Costa) e andine (nella Sierra).

Il popolamento originario dell si concentrava nella Sierra e solo con l degli Spagnoli si avviò l della Costa. La popolazione amerindia (41% del totale) vive tuttora nella Sierra, mentre nella Costa dominano i meticci (42%) e la minoranza bianca (11%) si concentra nelle città. La Costa ha ormai sopravanzato in popolazione la Sierra, mentre spopolato resta l (5 ab./km2 in media). Con oltre 50 ab./km2 in media, l è il paese più densamente popolato dell Meridionale (esclusi gli Stati insulari). La crescita demografica è in lieve rallentamento, ma ancora accentuata (natalità 21,54 nel 2008, mortalità 4,21 la popolazione è passata da circa 3 milioni nel 1950 a circa 6 nel 1970, a 9,7 nel 1990 e a 13,9, secondo stime, nel 2008. Cospicui i movimenti dalla Sierra verso la Costa e dalle campagne verso le città (la popolazione urbana è il 63%, rispetto al 25% del 1950). Solo (1.514.000 ab.) e (2.090.000 ab., principale centro economico) hanno rilievo nazionale, mentre Cuenca (304.000 ab.), Ambato e Riobamba, nella regione andina, e Machala (217.000 ab.), Portoviejo ed Esmeraldas, sul litorale, esercitano un locale. Molto forti sono le disparità socioeconomiche tra la componente bianca (dominante su ogni piano) e le altre e tra gli abitanti delle città e quelli delle campagne; le condizioni dei ceti meno favoriti e della popolazione rurale (soprattutto indios) vanno gradualmente migliorando, in conseguenza anche di un maggiore attivismo organizzativo.

Lingua ufficiale è lo spagnolo; religione dominante la cattolica (92%).

3. Condizioni economiche

L dell era tradizionalmente caratterizzata da latifondi e piccolissima proprietà contadina nella Sierra, piantagioni capitalistiche nella Costa, nessuna utilizzazione del versante amazzonico; e il paese dipendeva dalle esportazioni di prodotti tropicali (cacao, poi anche caffè e banane). Negli anni 1970 l in produzione di giacimenti di idrocarburi nell rese l esportatore di petrolio, ma non lo mise al riparo dall incostante dei prezzi, aggravato, per l e la pesca, da congiunture meteo climatiche negative, come l durata del Nio. Qualche intervento di riforma agraria ha portato a un aumento della produzione agricola. Malgrado la recente espansione del settore manifatturiero, grazie anche a investimenti esteri, l politica non ha facilitato l inserimento del paese nell internazionale, mentre le dure politiche di austerità imposte sul finire del Novecento (con gravi ripercussioni sulla popolazione) e l del dollaro statunitense come valuta nazionale hanno frenato la formazione di un mercato interno. Il paese presenta un ancora di tipo ed è carente di infrastrutture (nonostante i recenti investimenti) e di capitali, pur a fronte di risorse potenziali consistenti.

L coltivata si è estesa, a scapito della foresta, che peraltro copre tuttora un aliquota della superficie totale. Tra i prodotti di piantagione, spiccano banane (con 6,1 milioni di t nel 2006, l è tra i primi produttori al mondo), cacao, caffè, canna da zucchero. Nella fascia andina prevalgono le colture alimentari di base (riso, mais, patate, manioca), nonché la coca. L può contare su bovini (5 milioni), ovini (1,05) e suini (1,3). Rilevante è la pesca (527.128 t nel 2006), praticata soprattutto intorno alle Galpagos (crostacei). Le foreste forniscono 6,7 milioni di m3 di legname. Il settore primario assorbe ormai solo l degli attivi.

Nella parte settentrionale dell sono sfruttati i ricordati giacimenti petroliferi, collegati tramite oleodotto con Esmeraldas; la produzione totale ha raggiunto nel 2006 circa 27 milioni di t; nuovi bacini sono in corso di esplorazione. L manifatturiera annovera raffinazione e petrolchimica e le tradizionali produzioni tessili e alimentari. Fortissimo sviluppo ha segnato il terziario (commercio), che assorbe oltre il 70% della popolazione attiva.

Tra le carenti comunicazioni stradali (43.197 km, per un 15% asfaltati) spicca il tratto ecuadoriano (1400 km) della Carretera Panamericana; sono in progetto collegamenti con il Brasile nell La rete ferroviaria misura meno di 1000 km. Discrete le strutture portuali (, Esmeraldas) e buona la rete delle linee aeree interne. Il ruolo degli Stati Uniti come partner commerciale è stato ridimensionato a vantaggio dei paesi sudamericani. Il petrolio copre gran parte delle esportazioni; le importazioni riguardano i prodotti industriali; la bilancia commerciale tende al pareggio. Ancora modesto il turismo internazionale (841.000 ingressi nel 2006), soprattutto diretto alle Galpagos. Tra la metà del 15 sec. e l del 16 l andina e la costa pacifica furono conquistate dagli Incas e durante il regno di Huayna Cpac l città indigena di divenne capitale della provincia settentrionale dell (Chinchasuyu). Dopo la morte di Huayna (1525) la divisione dell tra i suoi due figli (Atahualpa a N e Huscar a S) e la guerra civile che ne seguì favorirono la conquista spagnola. Occupata fin dal 1534 da Sebastin de Belalczar, la regione ecuadoriana entrò a far parte del vicereame del Perù, costituito nel 1542: nel 1563 la creazione dell di sanciva l dell ecuadoriana nell del vicereame. L spagnolo si verificò soprattutto nell andina, dove l popolazione india veniva utilizzata prevalentemente come mano d agricola, mentre lo sviluppo di piantagioni di cacao nella regione costiera fu a lungo limitato dallo scarso popolamento e dalle malattie endemiche. Pressoché immune dalla colonizzazione spagnola rimase invece l amazzonico. Nella prima metà del Settecento l di fu separata dal vicereame del Perù ed entrò a far parte del vicereame di Nueva Granada.

Nel 1822 l aderì alla Republica de la Gran , proclamata (1819) sui territori dell vicereame di Nueva Granada. Nel 1830 si proclamava repubblica indipendente. La vita del nuovo Stato fu a lungo caratterizzata dall conflitto fra i due settori dell dominante facenti capo rispettivamente alla Sierra (conservatori, clericali) e alla Costa (liberali, laici). Il periodo più stabile nel corso dell si ebbe durante il predominio del conservatore G. Garca Moreno (1860 75), che instaurò un regime dittatoriale e clericale, promosse la costruzione di infrastrutture e sviluppò il sistema scolastico (affidandolo al clero).

Verso la fine del secolo, l del peso economico della Costa, legato alla crescita del commercio con l favorì un progressivo rafforzamento dei liberali che, fra il 1895 e il 1925 divennero il partito egemone, ridussero i privilegi della Chiesa cattolica e avviarono una modernizzazione del paese, mentre si verificava una crescita dell Malgrado tali sviluppi, il sistema politico mantenne un carattere fortemente oligarchico e la grande maggioranza della popolazione rimase al di fuori della vita politica. L economica e politica si protrasse dagli anni 1920 al 1940, e si aggravò in seguito al conflitto con il Perù (1941) che portò a una notevole riduzione territoriale dell (le tensioni fra i due paesi durarono fino agli anni 1980 e solo nel 1995 furono avviati accordi). Al declino dei due partiti tradizionali, corrispose la nascita di nuove forze politiche. A iniziare dagli anni 1930 si verificò l di caudillos e leader carismatici che trovavano nelle masse urbane, prevalentemente meticce, la maggiore base di consenso (per es. Velasco Ibarra).

Nel corso degli anni 1960 e 1970, le difficoltà economiche aprirono una fase di disordini e colpi di Stato militari (1963 66; 1972 79); i governi che nacquero però non risolsero i gravi problemi legati allo sfruttamento delle risorse agrarie. Effetti sociali rilevanti ebbe invece la scoperta, alla fine degli anni 1960, dei giacimenti petroliferi, che consentirono all di divenire dal 1972 un paese esportatore di petrolio, aderendo nel 1973 all Lo sviluppo socioeconomico che ne derivò corrispose, sul piano politico, a una tendenza all della partecipazione popolare, confermata dalla Costituzione (1979) che abolì il bicameralismo e concesse il diritto di voto agli analfabeti; a tali innovazioni faceva riscontro un rafforzamento dell con l estensione dei già vasti poteri presidenziali. Negli anni successivi si verificò l di nuovi partiti di ispirazione cattolica, socialdemocratica (Izquierda democrtica, ID, che divenne la maggior forza parlamentare) e marxista, mentre un certo declino subirono le formazioni populiste; il Partido social cristiano (PSC) si affermò come la principale organizzazione conservatrice.

L di una nuova crisi economica e finanziaria all degli anni 1980 portò all delle misure di austerità, già varate dal presidente O. Hurtado Larrea, da parte del conservatore L. Febres Cordero. I gravi incidenti che ne derivarono sfociarono nella proclamazione dello Stato di emergenza e in azioni gravemente repressive da parte del governo. La situazione continuò a rimanere tale con il presidente B. Cevallos (ID, 1988) e con il successore conservatore S. Durn Ballén (1992) che attuò una riforma di privatizzazione. Nel corso degli anni 1990 gli indios diedero vita a un proprio partito che propugnava la proprietà collettiva della terra e che raccolse discreti consensi. Nelle elezioni del 1996 si impose il candidato del Partido roldosista ecuatoriano (PRE) A. Bucaram Ortiz, destituito due anni dopo dal Congresso per incapacità mentale. Fu eletto presidente J. Mahuad Witt e fu varata una nuova Costituzione. Nonostante gli sforzi del presidente, la situazione economica precipitò, sfociando nel 2000 in un incruento colpo di Stato, che portò al potere G. Noboa, il quale lanciò un piano di risanamento. Anche i presidenti successivi (L. Gutiérrez, A. Palacio) continuarono una politica liberista che acuì le difficoltà economiche dei ceti più deboli, finché nel 2006 divenne presidente R. Correa con un programma di radicale riforma politica e di rinegoziazione del debito estero e dei contratti petroliferi con le multinazionali straniere. Nel 2008 è stata varata e sottoposta a referendum una nuova Costituzione, che ha imposto precise limitazioni all di mercato e sottolineato i diritti delle comunità indigene; nel corso degli anni successivi, dopo la rielezione per un secondo mandato nel 2009, accorte politiche sociali quali l’ampliamento della rete stradale, la costruzione di centrali idroelettriche, l’aumento dei fondi per la sanità e l’istruzione e l’erogazione di sussidi per lo sviluppo hanno assicurato a Correa ampi consensi, consentendogli di ottenere la maggioranza assoluta (57% delle preferenze) alle presidenziali tenutesi nel febbraio 2013 e di riconfermarsi per un terzo mandato, sebbene la stabilità del suo governo sia stata parzialmente erosa da una crisi economica che ha costretto a tagliare la spesa pubblica e ad aumentare le tasse, scatenando nell 2015 scioperi e proteste di massa. Le consultazioni presidenziali tenutesi nel febbraio 2017 hanno assistito a un confronto serrato tra il candidato della sinistra ed erede di Correa L. Moreno, che ha ricevuto il 39,3% dei consensi contro il 21,1% aggiudicatosi dall’esponente del centrodestra G. Lasso; il risultato è stato confermato dal ballottaggio svoltosi nell’aprile successivo, vinto da Moreno con 51% contro il 48,9% di Lasso, che ha contestato i risultati denunciando brogli.

Nel febbraio 2018, per volontà di Moreno, il Paese è stato chiamato alle urne per decidere attraverso lo strumento referendario su alcuni punti salienti della politica intrapresa da Correa durante il suo mandato, con particolare riferimento all dalla vita politica di chi è condannato per corruzione e alla riforma costituzionale (2015) che avrebbe permesso la rielezione indefinita del presidente della Repubblica, aprendo in tal modo la possibilità di un nuovo mandato dell politico; il Paese, con una percentuale tra il 63% e il 73% dei consensi, ha aderito alle proposte di Moreno, decretando di fatto la scomparsa politica di Correa e l’archiviazione degli ambiziosi progetti sociali ed economici contenuti nella sua Revolucin ciudadana.

arte e architettura

Le grandi capacità delle popolazioni precolombiane dell nella ceramica, nella pittura, nella scultura e nella lavorazione dell e dell diedero vita nel periodo coloniale alla produzione di oggetti sacri che si affiancava a quella di matrice prettamente barocca spagnola. La scuola di dei sec. 17 e 18 combinò queste due influenze. Con l prevalse il formalismo con soggetti quali gli eroi della rivoluzione e i membri dell società.

L religiosa coloniale dell è prevalentemente barocca, sebbene l residenziale tenda a essere semplice ed elegante, con case bianche dotate di verande e costruite attorno a un cortile centrale. Nel 20 sec. molti artisti hanno cercato di stabilire una continuità con il passato, recuperandone alcuni segni o soffermandosi sulle sofferenze dell (indigenismo). E. Tbara (n. 1930), A. Villacs (n. 1927) ed E. Maldonado (n. 1930) propongono collegamenti con elementi precolombiani; A. Gilbert (1914 1993) elabora una pittura astratto geometrica di carattere internazionale; O. Viteri (n. 1931) trae ispirazione dall popolare. Antesignano delle ricerche moderne è il pittore M. Rendn Seminario (1894 1982); indigenisti sono i pittori Oswaldo Guayasamn (1919 1999) ed Eduardo Kingman (1913 1997), entrambi sulla scia di uno degli esponenti più di spicco del movimento, C. Egas (1899 1962), e lo scultore J. Andrade Moscoso (1913 1990). Notevoli nell dell concettuale sono P. Cardoso (n. 1965) e M. Ribadeneira.

Tra i musei dell si ricordano il Museo de arte moderno di e il Museo antropolgico y de arte contemporneo del Banco Central del di . Nella danza prevalgono forme indigene di probabile origine precolombiana; particolarmente significativi e importanti sono i danzantes, ballerini mascherati e abbigliati con costumi sfarzosi che danno vita a una rappresentazione sacra eseguita soprattutto durante le processioni del Corpus Domini.

La colta fu introdotta dai monaci francescani fiamminghi J. de Rycke e P. Gosseal che ne avviarono l presso il Colegio de San Andrés a . Nel 1574 divenne maestro di cappella D. Lobato (1538 ca. 1610) per 4 anni sostituito da F. Hidalgo (1553 1620), a questi fecero seguito M. de Larrea. Dopo l (1822), nacque a una scuola di , poi divenuta Sociedad filarmnica de Santa Cecilia, che fu però chiusa nel 1858; nel 1870 fu fondato il Conservatorio nacinal de . Dal 1903 al 1911 il conservatorio fu diretto da D. Salgado. Nel 1952 fu fondata la Sociedad filarmnica de e nel 1956 l sinfnica nacional. Fra i compositori contemporanei si segnalano M. Maiguashca (n. 1938) e G. Guevara (n. 1930). Per) Stato dell’America Meridionale, confinante a N con l’ e la , a E con il Brasile e la Bolivia, a S con il Cile; a O è bagnato dal Pacifico per 2270 km.
woolrich da donna Ecuador nell

cappotto peuterey uomo ginnasta olimpionica accusa federazione Usa

outlet woolrich ginnasta olimpionica accusa federazione Usa

Lo scandalo delle molestie sessuali travolge anche il team della ginnastica artistica statunitense. Con una denuncia, depositata presso un tribunale di Los Angeles, la campionessa olimpionica McKayla Maroney oro a squadre e argento individuale a Londra 2012 ha accusato la federazione, il comitato olimpico Usa e la Michigan State University di aver pagato per il suo silenzio sulle molestie sessuali subite da parte dell medico della nazionale, Larrry Nassar. L atleta, che stata anche pi volte campionessa mondiale, ha ricostruito un sistema con il quale si sarebbe cercato sistematicamente di mettere a tacere tutte le vittime per impedire le indagini delle forze dell

La federazione avrebbe fatto firmare alla Maroney un accordo di non divulgazione in cambio di un risarcimento per pagare la terapia psicologica. Secondo il Wall Street Journal, il risarcimento ammonta a 1,25 milioni didollari. L della Maroney,
cappotto peuterey uomo ginnasta olimpionica accusa federazione Usa
John Manly, ha detto alla Espn che la ginnasta ha firmato l perch alle prese con un devastante trauma psicologico.

Nassar accusato di aver abusato di 140 donne, comprese delle minorenni, con la scusa di trattamenti medici, ed ora in attesa di sentenza. stato intanto condannato a 60 anni di carcere in una prigione federale nell di un inchiesta per possesso di immagini di pornografia infantile. Due mesi fa Maroney ha aderito alla campagna MeToo, lanciata sui social media dopo lo scandalo che ha travolto il produttore di Hollywood Harvey Weinstein. Gli abusi di Nassar ai danni della Maroney sarebbero iniziati quando aveva 13 anni e sarebbero andati avanti fino alla fine della sua carriera. Dopo la Maroney, altre due campionesse olimpiche, Aly Raisman e Gabby Douglas, hanno pubblicamente accusato l medico. Nassar stato il medico della nazionale di ginnastica artistica per circa 20 anni.
cappotto peuterey uomo ginnasta olimpionica accusa federazione Usa

peuterey le cuir Enciclopedia dell

giubbotti invernali online Enciclopedia dell

PREISTORICA, Arte. Gli argomenti trattati in questa voce riguardano principalmente le manifestazioni artistiche nelle aree dell’Europa occidentale ed orientale e dell’Africa settentrionale, nei periodi che vanno dal Paleolitico Superiore all’Età del Bronzo. La voce quindi non esaurisce in sé tutta la materia, ma ha piuttosto funzione di coordinamento tra una numerosa serie di argomenti svolti singolarmente nella Enciclopedia (o facenti parte di voci più ampie) e che nell’insieme completano il quadro dell’arte preistorica. Lo stesso dicasi per quanto concerne la bibliografia. Nella prima parte (cronologia) è presentato uno schema di successione delle culture preistoriche, mettendo in rilievo la portata dei metodi per la determinazione cronologica sulla quale è basato lo studio dell’arte come manifestazione connessa allo svolgimento storico culturale. Nella seconda parte è trattata l’arte paleolitica propriamente detta. Nella terza parte, dopo alcune manifestazioni anche più tarde che però strettamente si legano al mondo dei cacciatori viene trattata l’arte dal Mesolitico all’età dei metalli; è aggiunto un breve riferimento all’architettura megalitica a completamento di alcune voci specifiche (cromlech; dolmen; menhir), ponendo in rilievo i nessi con l’arte figurativa. Per le voci relative alle singole regioni e località, v. gli Indici.

1. Cronologia. L’archeologia preistorica si propone di ricostruire, in base a dati archeologici, il comportamento di società umane ed inoltre si pone il compito di determinarne la datazione; cerca cioè di riconoscere, con i var mezzi a sua disposizione, la sequenza delle varie culture, tenta di stabilirne la durata e possibilmente la cronologia assoluta. A questo riguardo è possibile distinguere due campi di ricerca: uno interessante le civiltà svoltesi durante il Pleistocene, il primo grande periodo dell’èra geologica quaternaria, denominate, con termine generale, paleolitiche e da studiarsi sempre in relazione all’alternarsi dei periodi glaciali e interglaciali; l’altro, più limitato, che abbraccia gli aspetti culturali dell’Olocene, ossia approssimativamente degli ultimi 10 millenn, i quali appaiono definiti archeologicamente, ma che non sono inquadrabili in sostanziali eventi geologici.

Agli iniz dello sviluppo dell’archeologia preistorica, una prima sistemazione dei fatti culturali si ottenne suddividendoli in età le quali furono considerate come stad generali nell’evoluzione della civiltà. In base a criter tipologici e stratigrafici si stabilì infatti una sequenza di aspetti della cultura materiale, ognuno considerato distintivo di periodi ai quali fu riconosciuta validità universale. Tale sistema, dipendente dal concetto di un’evoluzione utilineare, fu poi superato dall’idea che un insieme tipologico poteva caratterizzare non solo periodi distinti, ma anche società differenti entro un medesimo periodo. Attualmente si tende a svincolare il concetto di cultura dallo schematismo implicito nella suddivisione in “epoche” od “età”, intendendola non necessariamente come una concezione cronologica, ma piuttosto come civiltà in un’area particolare. Secondo la nuova interpretazione del fenomeno culturale, questo si configura più come processo di formazione ed elaborazione che come unità statica, esattamente delimitabile nello spazio e nel tempo; si deve tenere presente che a tale concetto vanno quindi rapportati gli elementi forniti dalla stratigrafia e dalla determinazione della cronologia assoluta. Lo studio tipologico dei prodotti dell’attività umana, connesso con la loro posizione stratigrafica, permette di conoscere la cronologia relativa delle culture preistoriche che si susseguono in una specifica località. Quando in un giacimento paleolitico entro grotta oppure in depositi fluviali, lacustri, ecc., si rinviene una sovrapposizione di industrie tipologicamente differenti, le quali possono anche essere separate da strati sterili, cioè privi di resti archeologici, è evidente che quelle situate più in basso sono più antiche, se il deposito non ha subìto sconvolgimenti; questa datazione relativa è valida però solamente nell’ambito del singolo giacimento e lo spessore dei var strati non può indicare la durata della loro formazione, perché intervengono diverse condizioni naturali, che variano nel tempo. Se assieme agli strumenti esistono anche determinate specie di animali ed indicazioni di carattere climatico, si ha la possibilità di riferire questi strumenti ad una cultura che compare nella zona in un periodo glaciale o in uno interglaciale; cioè le variazioni dell’ambiente geografico, climatico, geologico e paleontologico, offrono i dati di riferimento per la datazione relativa. Il confronto di serie stratigrafiche di varie regioni, anche distanti fra di loro, ha permesso, in base all’identità tipologica, ambientale e climatica, di suddividere convenzionalmente il Paleolitico in Paleolitico Inferiore (Prechelleano, Chelleano o Abbevilliano, Acheuleano), Paleolitico Medio (Levalloisiano Musteriano) e Paleolitico Superiore (Aurignaciano Perigordiano, Solutreano e Maddaleniano). evidente che si può parlare di contemporaneità, entro amp limiti di tempo, di due culture paleolitiche tipologicamente identiche, solamente quando sussistono analogie geologiche e climatiche; altrimenti, per le culture del Paleolitico Inferiore, durate molto a lungo, un giacimento può appartenere all’interglaciale, mentre l’altro con tipologia analoga, al successivo periodo glaciale. Per i giacimenti di superficie, dove può sussistere un’associazione di strumenti appartenenti a varie culture, oltre al criterio tipologico, si tengono presenti le caratteristiche dell’alterazione superficiale degli oggetti, cioè della patina; essa può essere più o meno frusta o lucente a seconda delle condizioni di giacitura dell’oggetto e del tempo trascorso. Il metodo della patina viene anche utilizzato, insieme alla determinazione dello stile, dei soggetti ed alla sovrapposizione di figure, per la datazione relativa delle produzioni artistiche sulle pareti rocciose, qualora queste non presentino alcun riferimento con un deposito archeologico. Per la cronologia relativa delle culture più recenti, del periodo attuale, olocenico, vengono meno molti dati utilizzabili per il Paleolitico, perché lo sviluppo di queste culture si è prodotto con un ritmo molto più rapido, mentre non si verificano i grandi sconvolgimenti climatici, propr del Pleistocene; da ciò deriva che mentre è facile riconoscere la successione delle culture presenti in un giacimento (e talvolta si riesce con elementi forniti dalla fauna e dalla flora a riconoscere anche il periodo stagionale dell’insediamento), è molto difficile sincronizzare due giacimenti con analoga cultura, distanti fra di loro, perché in alcune regioni si può avere un susseguirsi di differenti culture in breve tempo, mentre in altre può esistere una più ampia continuità culturale. Nella successione olocenica si sono distinti stad culturali che sono stati convenzionalmente denominati Mesolitico, Neolitico, Eneolitico (Calcolitico, Bronzo I), Civiltà del Bronzo e del Ferro. Riguardo a queste civiltà l’orientamento cronologico è fornito anche dai caratteri della fauna in dipendenza dell’economia nelle singole culture, sempre nel ristretto ambito di una regione. Un altro metodo utilizzato per la cronologia relativa consiste nel computo del contenuto in fluoro delle ossa che si rinvengono nei giacimenti preistorici. Per la cronologia assoluta si hanno oggi molte possibilità, offerte da metodi esclusivamente naturalistici per le culture paleolitiche e da documenti storici per le culture più recenti. Una cronologia assoluta è stata costruita da A. E. Douglas studiando gli anelli annuali di crescita delle piante legnose di alto fusto, i quali risentono, nel loro sviluppo, delle condizioni ambientali e si presentano più stretti in condizioni di clima sfavorevole. Ponendo in relazione gli anelli annuali interni degli alberi più giovani con quelli esterni degli alberi vecchi, il Douglas riuscì a fondare la cronologia assoluta degli ultimi due millenni, che è stata applicata per la datazione dei villaggi indiani, poiché questo metodo consente di datare anche il legname utilizzato dall’uomo nelle sue costruzioni. Questo risultato si deve ad un ingegnoso sistema di correlazioni dei banchi argillosi di località diverse, accompagnanti verso il N il ritiro della fronte glaciale, che hanno formato una serie continuativa di strati argillosi, corrispondenti allo scioglimento annuale dei ghiacciai. Per la datazione assoluta degli eventi climatici del Pleistocene, esiste il calendario (o curva) di M. Milankovitch. Questi, prendendo in esame var dati astronomici, è riuscito ad impostare una teoria matematica dell’insolazione dei pianeti e dell’effetto termico di questo fenomeno ed ha definito con una curva le variazioni della radiazione solare estiva sulla terra, dalla quale dipende in gran parte l’estensione dei ghiacciai continentali. In questa curva del Milankovitch, misurata in anni, i punti minimi di radiazioni coincidono con le glaciazioni denominate wrmiana, rissiana, mindeliana e gonziana e le oscillazioni della curva riferibili ai periodi freddi e a quelli interposti, trovano conferma nei dati offerti dalla geomorfologia e stratigrafia quaternarie. La datazione assoluta degli eventi climatici è estensibile quindi alle culture paleolitiche ad essi corrispondenti; vale a dire una cultura abbevilliana trovata in un deposito interglaciale (Minde Riss), secondo la curva, può essere datata da 400 a 280 mila anni, una cultura acheuleana del glaciale rissiano da 240 a 180 mila anni,
peuterey le cuir Enciclopedia dell
una cultura levalloisiana, situata in un deposito dell’ultimo interglaciale (Riss Wrm) da 180 a 120 mila anni e così di seguito. Queste cifre rappresentano la datazione assoluta di una cultura entro vastissimi limiti di tempo ed alcuni studiosi mettono delle riserve al metodo del Milankovitch, proprio perché sembrano iperboliche le durate delle diverse fasi assunte dalle primitive culture umane. Queste riserve sembrano trovare conferma nella datazione con il metodo del radiocarbonio, che data fino a 40.000 anni or sono e finora ha dato valori inferiori a quelli ricavati con il metodo Milankovitch. La datazione con il radiocarbonio si basa su un calcolo della disintegrazione progressiva del carbonio radioattivo presente negli organismi dopo la loro morte; l’applicazione pratica consiste nel prelevare da uno scavo, con opportuni accorgimenti, i residui di materiali organici contenenti carbonio, cioè carboni, ossa combuste, conchiglie, ecc. Queste sostanze, con un procedimento chimico, vengono trasformate in carbonio puro, il quale viene introdotto in un contatore di Geiger, che misura la radioattività residuale del carbonio che diminuisce con il trascorrere del tempo, secondo una ben individuata progressività. Questo metodo ha fondamentale importanza per la datazione delle culture dal Neolitico in poi; per queste culture la datazione assoluta può essere ottenuta anche basandosi sui dati della cronologia storica delle grandi civiltà onentali. A questo fine si ricorre al metodo denominato cross dating dagli autori inglesi e consistente nel datare i giacimenti di una cultura in base alla presenza in questi di elementi di altre culture di cui si ha una migliore determinazione cronologica. Nelle civiltà litterate orientali i fatti archeologici si possono datare in relazione a documenti scritti ed a volte è possibile estendere da tali province una rete di sincronismi che giunga ad abbracciare culture fuori di tali aree.

(A. M. Radmilli )

2. Arte paleolitica ed epipaleolitica. Le prime manifestazioni d’arte dell’umanità compaiono, almeno a quanto ci dice la documentazione fino ad oggi venuta in luce, in una fase già avanzata dello sviluppo culturale, pur risalendo a quell’epoca preistorica notevolmente lontana da noi chiamata Paleolitico Superiore che si concluse alla fine dell’età geologica detta Pleistocene.

Siamo ancora in quella fase di civiltà durante la quale l’uomo viveva esclusivamente di caccia, non conosceva né l’agricoltura né la pastorizia e usava come materie prime per la fabbricazione delle armi e degli strumenti, la pietra e l’osso, essendo ancora del tutto ignota la lavorazione dei metalli. Tuttavia già abitavano le nostre regioni tipi umani ad uno stadio d’evoluzione somatica identico a quello dell’umanità attuale, e nessuna traccia ormai più esisteva dell’antica razza detta di Neanderthal, così primitiva sia dal punto di vista somatico che da quello culturale. Prima della comparsa dell’uomo del Paleolitico Superiore, e durante un periodo infinitamente più lungo di quest’ultimo, che si calcola in qualche centinaio di migliaia di anni, l’umanità aveva compiuto una lenta trasformazione nella struttura fisica e nelle sue culture, senza però lasciarci, insieme alla molteplice e copiosissima documentazione della sua attività, alcuna testimonianza di aver prodotto opere d’arte, sia pure attribuendo a questa espressione il significato di semplice, rudimentale manifestazione grafica o plastica. Se assumiamo in senso piuttosto lato le moderne determinazioni di cronologia assoluta, basate, come è noto, su metodi d’indagine che si avvalgono di molteplici elementi tratti dal campo delle scienze naturali, noi potremo all’incirca far risalire le prime manifestazioni d’arte dell’umanità fino ad oggi note, ad una trentina di migliaia d’anni fa. Da questo momento, e durante tutto il Paleolitico Superiore, l’arte compie in varie regioni d’Europa una continua trasformazione che la porta, in quel periodo detto Maddaleniano col quale si chiude l’età paleolitica, a produrre opere di un’importanza e di una perfezione tecnica che mai più verrà raggiunta in età preistorica e neppure presso popoli primitivi moderni. Con la fine del Paleolitico si assiste, nel Mesolitico, nel Neolitico e nelle civiltà dei metalli, alla scomparsa quasi improvvisa di queste eccellenti produzioni artistiche: i popoli agricoltori e pastori, che sostituirono in età olocenica, in Europa, le popolazioni ad economia venatoria del precedente periodo, ci hanno lasciato in generale, una documentazione che ci parla di un mondo artistico del tutto diverso da quello Paleolitico.

Durante il Paleolitico Superiore, in quella grande provincia artistica cosiddetta franco cantabrica, che si estende dalla Francia alla Spagna e che ha dato le più importanti opere d’arte, tutte le tecniche sono state usate e cioè la scultura a tutto tondo, la scultura a basso e ad alto rilievo, il graffito, la pittura. Però si constata che, in generale, ognuna di queste tecniche, benché presente in tutti i periodi e le fasi culturali del Paleolitico Superiore, sembra prevalere o per quantità o per eccellenza di opere in uno o nell’altro dei periodi suddetti.

Il primo periodo del Paleolitico Superiore (Aurignaco Perigordiano della Francia) è caratterizzato in particolar modo da una grande produzione di statuette antropomorfe a tutto tondo, la cui area di diffusione si estende in tutta l’Europa e giunge fino alla Siberia. Non mancano però le incisioni e le pitture, che assumono notevole sviluppo alla fine di quest’epoca. Il secondo periodo del Paleolitico Superiore (Solutreano) ci ha lasciato alcuni bassorilievi di una grandiosità e di una singolarità tutta particolare. Il Maddaleniano, l’ultimo periodo del Paleolitico Superiore, eccelle per la meravigliosa produzione di opere pittoriche e di graffiti. Sono anche numerose le sculture, ma tutte, ad eccezione dei bassorilievi, di piccole dimensioni e rivolte quasi sempre all’ornamentazione di strumenti e di armi d’osso e di avorio.

Il primo documento d’arte paleolitica venuto in luce in un giacimento chiaramente datato (quello della Madeleine in Francia) fu trovato in pieno deposito maddaleniano, nel 1874; si trattava di un frammento di zanna di mammuth fossile, il grande elefante villoso vissuto durante il Pleistocene, portante incisa la figura di quello stesso pachiderma. Da quel giorno le scoperte andarono moltiplicandosi e i musei di Francia e di altri paesi d’Europa si arricchirono d’opere d’arte preistorica. Nel 1879 furono scoperte le prime pitture parietali paleolitiche, quelle della celebre grotta di Altamira (v. altamira). Oggi le grotte dipinte e graffite di età paleolitica si conoscono in gran numero in Francia e in Spagna ed anche in altri paesi d’Europa e si continua a scoprirne di nuove. Per merito specialmente delle accurate, costanti ricerche del Breuil, l’arte parietale paleolitica franco cantabrica può oggi essere seguita nei suoi sviluppi e suddivisa in distinte fasi stilistiche e cronologiche. La documentazione sino ad ora venuta in luce non ci permette ancora di dire una parola definitiva circa la genesi di quest’arte. Si ha infatti l’impressione che buona parte delle più antiche opere conosciute siano da riferirsi ad uno stadio artistico già notevolmente sviluppato e costituiscano nel loro genere manifestazioni d’arte già mature e complete: questo vale precisamente per la scultura, mentre graffito e pittura ci appaiono, nelle loro espressioni più remote, ad un grado di sviluppo assai primitivo. Questa differenza di maturità tra scultura e disegno, se verrà con sicurezza confermata attraverso un’ulteriore documentazione, potrebbe spiegarsi come uno sfasamento iniziale nell’evoluzione delle due tecniche, più rapida nei riguardi della scultura.

La scultura a tutto tondo è rivolta, durante la prima parte del Paleolitico Superiore, alla rappresentazione quasi esclusiva del corpo umano e, più esattamente, del corpo femminile. La scultura antropomorfa paleolitica prende il suo maggior sviluppo in questo periodo, perché in quelli successivi si avranno, salvo rare eccezioni, rappresentazioni di animali. Si tratta di statuette in pietra o in avorio di mammuth, che stupiscono per la sapiente tecnica e per il profondo realismo che talvolta le pervade, come nelle statuette di Willendorf e di Brassempouy. Talvolta, però si nota in talune una particolare stilizzazione (per esempio nella statuetta francese di Lespugue) ma nonostante ciò, tutti più o meno gli esemplari finora noti possono inquadrarsi perfettamente in una concezione unitaria: essi appaiono infatti legati tra di loro da un medesimo gusto, che si manifesta in una ben definita formula estetica. Rappresentano un tipo di donna con singolari caratteristiche somatiche: masse adipose abbondanti, seni sviluppatissimi e, in alcuni esemplari, un accumulo eccezionale di adipe nella regione dei glutei. I particolari del viso non sono quasi mai rappresentati e la testa assume, talvolta, forma più o meno allungata e appuntita, o è addirittura sostituita da un’appendice conica. Le estremità inferiori, prive di piedi, terminano a punta e spesso le braccia, sottili e appena delineate, si ripiegano sui seni. Queste statuette aurignaziane vengono comunemente indicate col termine di “Veneri”, perché furono considerate, dai vecchi paletnologi, come rappresentazione dell’ideale della bellezza femminile del tempo. Tutto fa supporre che queste statuette fossero legate al culto della fecondità e della maternità, ed abbiano costituito, durante l’Aurignaziano, dei veri e propr idoli, simboli della forza creatrice della natura, sorta di “Dea mater” paleolitica, il cui culto sarebbe stato diffuso su di un immenso territorio, dall’estremo O d’Europa alle pianure della Siberia. Tra le più note ricorderemo: in Francia le statuette frammentarie in avorio di Brassempouy, tra cui un bel frammento di un sapiente e morbido modellato ed una testina provvista di una curiosa pettinatura a piccole trecce, testina che, caso eccezionale, presenta indicati i particolari del viso. La Venere di Lespugue (Alta Garonna), già ricordata, statuetta in avorio di forma curiosissima, dalle sottili braccia appoggiate sui seni sviluppatissimi che ricadono sull’ampio ventre in forma di otri. Le spalle esili, la testa
peuterey le cuir Enciclopedia dell

giubbotti invernali ragazza Donazione di ‘Not On Our Watch’ all

outlet bologna Donazione di ‘Not On Our Watch’ all

Gli attori hollywoodiani George Clooney, Don Cheadle, Matt Damon, Brad Pitt, il produttore Jerry Weintraun e l’avvocato per i diritti civili David Pressman, donano 500.000 dollari al Servizio Aereo Umanitario, attraverso la loro fondazione ‘Not On Our Watch’.

Khartoum, 13 03 08 (comunicato stampa) L’importante Servizio Aereo Umanitario, gestito dal Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM), in Darfur, ha ricevuto il primo contributo del 2008: si tratta di 500.000 dollari donati da ‘Not On Our Watch’, l’organizzazione umanitaria e no profit fondata dagli attori hollywoodiani George Clooney, Don Cheadle, Matt Damon, Brad Pitt, il produttore Jerry Weintraun e l’avvocato per i diritti civili David Pressman.

Si tratta della seconda donazione di ‘Not On Our Watch’ al PAM; nel 2007 l’organizzazione aveva dato 1 milione di dollari al Servizio Aereo Umanitario NU PAM (WFP HAS).

WFP HAS aveva annunciato, all’inizio di questa settimana, che alla fine di marzo sarebbe stato costretto a non far volare elicotteri ed aerei che trasportano materiale essenziale ed operatori umanitari nelle zone più remote del Darfur. La decisione era stata presa per mancanza di donazioni ricevute nel 2008 a fronte di un budget previsto di 77 milioni di dollari.

Avendo potuto constatare in prima persona l’immensa sfida umanitaria in Darfur, George Clooney e i suoi colleghi sanno quanto sia importante e vitale il Servizio Aereo UmanitarioJosette Sheeran, Direttore Esecutivo del PAM

“Avendo potuto constatare in prima persona l’immensa sfida umanitaria in Darfur, George Clooney e i suoi colleghi sanno quanto sia importante e vitale il Servizio Aereo Umanitario”, ha detto Josette Sheeran, Direttore Esecutivo del PAM. “Questo contributo è essenziale per i milioni di donne e bambini intrappolati nel Darfur, e noi speriamo che questo gesto possa essere da esempio per altre donazioni”.

“Gli aerei e gli elicotteri del Programma Alimentare Mondiale trasportano operatori umanitari e materiali urgenti per quasi tutte le organizzazioni di aiuto che lavorano nel Darfur”, ha detto George Clooney, co fondatore di Not On Our Watch. “E’ un momento critico per WFP HAS. Senza immediati e ulteriori fondi, verrà paralizzato l’aiuto umanitario nella regione. Siamo orgogliosi di contribuire alla sopravvivenza di questo fondamentale servizio e incoraggiamo altri a fare lo stesso. La protezione delle vittime nel Darfur non dovrebbe ricadere solo sulle organizzazioni umanitarie. I governi hanno una precisa responsabilità nell’aiutare quanti non si possono difendere.”

Sono in media 8.000 gli operatori umanitari, in Darfur, impegnati nell’assistenza alimentare, nella fornitura di acqua e nelle cure sanitarie, che utilizzano ogni mese il WFP HAS. Questa cifra comprende 3.000 passeggeri che a bordo di sei elicotteri raggiungono zone del Darfur altrimenti inaccessibili a causa dell’insicurezza e della mancanza di strade praticabili. Oltre la metà dei passeggeri di WFP HAS lavora per organizzazioni non governative ed associazioni di beneficenza, i rimanenti appartengono alle agenzie ONU, quali il PAM, l’UNICEF, l’OMS ed altri. Talvolta, il WFP HAS funziona anche come trasporto cargo sebbene la maggioranza delle merci viaggi sui camion.

“Da quando, all’inizio di questa settimana, abbiamo lanciato l’allarme, altri donatori tradizionali si sono fatti avanti e siamo fiduciosi che arriveranno nuovi contributi prima della fine di marzo”, ha detto Kenro Oshidari, Rappresentante del PAM in Sudan.

Not On Our Watch ha versato il proprio contributo attraverso ‘Friends of WFP’ a Washington.

“L’intera comunità umanitaria e gli oltre tre milioni di persone assistite in quanto vittime del conflitto in Darfur dipendono dai servizi di WFP HAS”, ha detto Oshidari.
giubbotti invernali ragazza Donazione di 'Not On Our Watch' all

peuterey vendita online Filipe Luis Antoine Griezmann deliver in big way for Atletico Madrid

woolrich usato donna Filipe Luis Antoine Griezmann deliver in big way for Atletico Madrid

Filipe Luis celebrates his goal that leveled the score early in the second half.

Atletico Madrid showed the grit and resolve of old as they battled back to secure a 2 1 home win over Real Sociedad on Saturday.

A breakneck first period in the freezing Spanish capital saw Atleti’s defense overrun by the Basque outfit’s rampant attacking style, and truth be told Los Rojiblancos were fortunate to just be 1 0 down at the break, despite spurning a number of chances themselves.

After the break, however, it was a different story. Diego Simeone clearly read the riot act, and they huffed, puffed and finally blew the house down via Filipe Luis’ effort.

Antoine Griezmann then secured all three points late on to ensure Atletico remained unbeaten and closed the gap on second placed Valencia to just a point for now.

The battling performance after the break was much more like it. Whisper it quietly but they finally look at home at the Wanda. Griezmann the match winner has returned.

The way La Real ran through the Atleti midfield and caused carnage going forward in the first 45 was worrying.

7 See above negatives. Picked the wrong setup against that opposition but corrected it during the interval.

Player ratings (1 10; 10 = best. Players introduced after 70 minutes get no rating)

GK Jan Oblak, 5 Had a bizarre game. Flapped at a corner and got away with it early on, but then rushed out and got nowhere near the ball and conceded a needless penalty. A couple of hairy moments after the break did not help. Having been so consistent for so long, he is allowed one of these afternoons, though.

DF Thomas Partey, 6 Continues to fill in admirably out of position, but up against good opposition he got found out a bit early on. Almost cost his side a goal with a woeful pass across the edge of his own box but improved after that and was steady defensively.

DF Jose Maria Gimenez, 7 Back in the side and not before time. Looked sturdier than his partner and made a couple of very important blocks when his side were up against it.

DF Diego Godin, 6 Looked nervous as he has done all season and a couple of weeks break has not changed much. Slightly worrying for the boss.

DF Filipe Luis, 9 Made a crucial last ditch block at 0 0 to keep the score level, while showed composure his attacking teammates could have only dreamed of when levelling the scores. Solid in defence and a potent weapon going forward.

MF Koke, 7 Brilliant ball to Saul in the build up to the winner. Not his best day at the office, but that was a moment of real magic.

MF Gabi, 7 Was often overrun against La Real’s high, intense press, however never sharked responsibility. In particular he produced an amazing recovery tackle on the break on Mikel Oyarzabal as he looked set to score.

MF Saul Niguez, 8 Two brilliant assists. The first was all about his directness and presence of mind to pick a teammate, while the second showcased his aerial ability.

MF Angel Correa, 3 An utter shocker. Missed two one on ones in the first half before skying over an open goal after the break with his side 1 0 down. One of those days that thankfully did not cost the side.

FW Antoine Griezmann, 8 Was possibly the most frustrated player on the pitch before his goal, having missed three or four good chances. Yet he showed great bravery to slide in and force the ball over the line against his former club and prove he is still this side’s match winner.
peuterey vendita online Filipe Luis Antoine Griezmann deliver in big way for Atletico Madrid