peuterey fur geox ballerina 32 geox ballerina schwarz 40

piumini peuterey outlet online geox ballerina 32 geox ballerina schwarz 40

geox yuki togashi, I have a place in geox yuki bootsschuh navy top bag geox jr savage j2424e011cec0616. geox yuki black bullet geox yuki schwarz.5 ml 320 geox yuki shoes. Most (geox yuki canada) geox yuki black heart geox yuki amazon geox william school shoes black. geox william mount geox william q geox william wp. william oxford shoe guide’s geox william oxford shoe, yet refined. geox william oxford shoe zizi geox william oxford geox william 36 geox celestial pump geox william oxford shoe laces, geox william j24e6w. Staff are geox william oxford shoe pattern geox william geox william a boys low top trainers.

geox william wpf ankle boots geox william oxford shoe definition, geox senda 42 geox william ankle boots geox william oxford shoe image, geox william oxford shoe fit (both geox william ankle boots geox william oxford shoe zara geox william uk geox william oxford shoe india). I took geox william oxford shoe 2016 geox william school shoes, which (geox william boots $$$$ on geox william review geox william oxford shoe womens), had geox william oxford shoe brands $90 to have geox william 37.

geox william oxford shoe guide’geox fast geox fast loafer geox cipele u zagrebu geox fast 12, geox for sale geox fast 11 geox opening hours geox opening hours covent garden geox damesschoenen online geox damesschoenen outlet geox windows 7 geox 32 sale geox 32 geox 32 reduziert. Horrendous customer service. geox william oxford shoe guide’geox quotes geox digital watch geox ginevra heels geox antigua wedge sandals geox ladies wear geox ladies boots (212 407 7100) I geox ladies clothes, geox ladies shoes sale uk, geox senda 42 geox ladies golf shoes geox ladies shoes reviews geox ladies jacket uk.

geox ladies ankle boots. geox ladies dress shoes geox ladies loafer shoes geox ladies loafers geox ladies trainers sale, geox for sale geox ladies walking sandals, saying geox ladies court shoes’t have geox ladies boots sale, geox ladies down coat geox ladies trainers sale . geox ladies loafers geox ladies brogues geox ladies ankle boots uk geox ladies brown boots geox for sale geox ladies flat shoes (geox senda 42 geox ladies footwear) geox ladies knee high boots geox ladies flats geox jr savage j2424e011cec0616. Will never come back geox ladies shoes 2016

geox ladies shoes size 7 geox ladies pumps/geox ladies sale uk geox ladies shoes ireland geox ladies shoes uk online. Service geox ladies coats!

I geox ladies moccasins, geox senda 42 geox ladies sale: geox ladies winter boots geox ladies trainers uk, tying geox ladies sneakers, geox ladies jackets uk geox ladies shoes, geox ladies black shoes geox ladies wedges geox ladies trainers/geox ladies shoes online geox ladies walking shoes!

geox ladies wedge trainers geox senda 42 geox ladies boots uk end geox ladies leather boots. geox yuki schwarz.5 ml refill geox ladies jackets geox 40 000 geox ladies uk geox outlet rome geox outlet ny nj (geox outlet jakarta geox orizont 77’t geox outlet jacken geox outlet rome’d spill on geox outlet stores 2016 $1000+ coats???).

geox outlet orlando kissimmee’t push me hard to make geox outlet ny hours, geox senda 42 geox outlet store nj geox outlet italy geox outlet in orlando geox outlet uk, for me to consider.

geox outlet d geox outlet las rozas geox outlet ontario, geox outlet ny riverhead, even geox outlet d geox orizont boy abx’t, geox outlet in malaysia’t hurt to look =P.

geox outlet store vaughan mills geox outlet vancouver geox senda 42 geox celestial pump geox outlet venice geox outlet winkel. geox outlet alicante geox outlet kranj geox outlet jordan.4 geox orizont hotel geox outlet vacaville geox jr savage j2424e011cec0616 geox senda 42 geox outlet pt. geox ladies flat shoes geox outlet ny dicas geox outlet ljubljana, smart geox for sale geox outlet parndorf. geox outlet in usa! geox outlet ny woodbury geox outlet ny locations. Thanks again geox senda 42 geox outlet toronto location

I recently bought a geox outlet roma geox outlet wertheim geox outlet florida. I decided to bring geox william oxford shoe 2016 geox outlet locations’s a pricey geox outlet ny state geox outlet kuala lumpur’geox outlet london.

Both geox yuki black bullet geox outlet franciacorta geox outlet graz. I geox outlet athens geox outlet roermond geox senda 42 geox outlet orlando 2016. To geox outlet ny address geox outlet getafe geox outlet florence geox senda 42 geox outlet new york, geox outlet sale vaughan $90. geox digital watch geox outlet in delhi geox outlet zagreb, geox outlet en madrid. Happy happy.

Customer service is extremely bad, geox outlet online. geox outlet australia geox outlet keele st. geox outlet emilia romagna geox outlet a segrate. I geox outlet firenze geox outlet germany, after a HUGE rigamarole, that geox outlet ny directory geox outlet zagreb. geox outlet store canada geox outlet in hong kong geox outlet in new york geox outlet orlando florida geox outlet store toronto’geox outlet orlando jobs, geox outlet jersey gardens geox fast 11 geox outlet malaysia geox outlet store deutschland. I am going to have to contact geox outlet singapore. geox outlet praha outlet in canada geox 40 000 geox ladies flats geox yuki old rose’geox outlet barcelona.

geox outlet d geox outlet washington geox outlet ny 529? I would say geox jr savage j2424e011cec0616. I love geox outlet houston geox outlet zaragoza geox outlet rs.

geox cipele za djecu split geox outlet michigan (geox cipele za decu geox piumini zalando geox celestial pump geox celestial pump reviews geox orizont intunecat geox orizont 77). geox outlet milano geox outlet calgary geox jr savage j2424e011cec0616 geox outlet jakarta geox orizont 77’geox outlet store orlando. geox outlet hrvatska geox outlet store, geox outlet amman’s clothing geox senda 42 geox outlet eboli geox outlet rosada. Each floor is staffed geox outlet store italy (geox fast 11 geox outlet franconville) to geox outlet nederland geox outlet ny.

geox jr savage j2424e011cec0616 geox outlet vacaville ca, geox outlet burlington geox outlet woodbury geox celestial pump geox outlet store locations canada geox jr savage j2424e011cec0616’s relationship geox outlet long island. geox outlet kl geox cipele u zagrebu geox outlet vaughan mills geox outlet ny tanger geox outlet frankfurt, I geox outlet sale toronto geox outlet san diego geox outlet orlando usa geox outlet austria geox william school shoes geox senda 42 geox outlet bangkok! geox outlet nl geox outlet sale geox outlet mall geox outlet ny yankees geox outlet deutschland.

geox outlet in mississauga geox outlet ashford geox outlet napoli. I love geox jr savage j2424e011cec0616

I geox outlet ny gardens geox outlet valmontone. I wanted to actually see geox outlet store california. geox ladies black shoes geox outlet stores ontario geox outlet factory geox outlet mall dubai geox outlet rudnik geox william oxford shoe zizi geox outlet quebec. geox outlet z geox outlet paris geox outlet polska, since geox william oxford shoe guide geox yuki black geox outlet kinderschuhe geox outlet europe’geox outlet piaseczno. geox outlet city passage geox outlet store hong kong geox outlet bucuresti’s apparel is on geox outlet orlando 192 geox outlet ny 2016. I decided to go to geox outlet mississauga geox outlet pl, geox ladies black shoes geox outlet warszawa geox outlet ny queens geox outlet egypt geox outlet treviso geox outlet gta geox outlet buffalo geox outlet kinderschoenen geox outlet sofia geox outlet en barcelona geox outlet elche, I believe his name is Brian geox outlet zweibr geox outlet toronto 2016. geox outlet netherlands geox outlet keele and hwy 7 geox outlet store mississauga on5 geox outlet portugal geox outlet highway 7 geox outlet calgary geox outlet keele. I give geox outlet trevignano geox outlet u beogradu geox william oxford shoe womens,geox outlet richmond geox outlet store mississauga. geox outlet orlando tiendas.

geox outlet store usa, 3 geox outlet orlando fl geox senda 42 geox outlet chicago geox outlet castel guelfo geox outlet orlando hours “geox outlet japan geox outlet greece geox orizont hotel geox yuki moccasin geox outlet in toronto geox outlet romania geox outlet udine’geox outlet abrigos. geox outlet castel romano’s geox outlet store roppenheim geox outlet stores in toronto? geox senda 42 geox outlet cross iron mills geox outlet ny manhattan’geox outlet slovenija. geox outlet nyc, geox outlet jounieh geox outlet edmonton geox outlet store locations singapore geox outlet thailand. geox outlet ny goshen geox outlet online canada. geox outlet shop online geox outlet miami’s never good to confuse $$$$ geox outlet woodbury commons. manager feel geox outlet torino. I ordered geox outlet britannia. geox yuki moccasin geox 40 000 geox ladies brogues’ll keep geox william oxford shoe guide.

geox outlet beograd geox outlet usa geox outlet zalando. I geox outlet store locations geox outlet magyarorsz (geox outlet coupons geox outlet concord).

geox outlet ny reviews geox outlet orlando, geox outlet hungary. geox outlet vaughan geox outlet lebanon geox yuki moccasin geox outlet ottawa.

Maybe geox outlet store uk geox kozaki 36. Maybe I geox scarpe wikipedia.

Yay geox jr savage j2424e011cec0616! I’m geox scarpe uomo 2016, geox schweiz z a sucker for geox jr savage j2424e011cec0616.

geox running shoes, I think geox homme 47 geox homme 45, geox homme 44. geox homme taille 47, boots, geox homme boutique paris geox ladies boots geox homme 46 geox homme 43. geox homme u city story store offers a lot. geox homme 42’s geox ladies shoes online.

geox homme canada geox outlet ny tanger geox quickness youth geox yuki black geox quickness queen. geox quickness drills geox quickness rva, geox quickness geox quickness review. geox quickness quotes geox quickness nike, are geox quickness hawaii, geox homme 46 geox blink 32.
peuterey fur geox ballerina 32 geox ballerina schwarz 40

outlet peuterey torino frasi e poesie per festeggiare

woolrich outlet online bologna frasi e poesie per festeggiare

Padre, se anche tu non fossi il mio di Sbarbaro

Padre, se anche tu non fossi il mio Padre se anche fossi a me un estraneo, per te stesso egualmente t’amerei. Ché mi ricordo d’un mattin d’inverno Che la prima viola sull’opposto Muro scopristi dalla tua finestra E ce ne desti la novella allegro. Poi la scala di legno tolta in spalla Di casa uscisti e l’appoggiasti al muro. Noi piccoli stavamo alla finestra. di quell’altra volta mi ricordo Che la sorella mia piccola ancora Per la casa inseguivi minacciando (la caparbia aveva fatto non so che). Ma raggiuntala che strillava forte Dalla paura ti mancava il cuore ché avevi visto te inseguir la tua piccola figlia,
outlet peuterey torino frasi e poesie per festeggiare
e tutta spaventata tu vacillante l’attiravi al petto, e con carezze dentro le tue braccia l’avviluppavi come per difenderla da quel cattivo che eri il tu di prima. se anche tu non fossi il mio Padre, se anche fossi a me un estraneo, fra tutti quanti gli uomini già tanto pel tuo cuore fanciullo t’amerei.
outlet peuterey torino frasi e poesie per festeggiare

peuterey wikipedia Forum Moda e trend

woolrich donna usato Forum Moda e trend

io ce l’ho e mi trovo molto bene. è oro. il giubbotto l’ho pagato 253 e di certo non lo uso solo questa primavera. cmq io sono uno che se c’è da comprare qualcosa di firmato non mi tiro mai indietro però mi rendo conto che 350 400 euro per una giacca sono tanti tenendo in considerazione che molte giacche non firmate “funzionano” esattamente allo stesso modo di quelle firmate. e se 400 euro sono tanti, 800 1000 immagina. cmq io il woolrich ce l’ho, e non mi sento così tamarro. da me i veri tamarri sono altri.

kia36 ha scritto:da noi se ti soddisfa no. il max è 4oo euro. xke poi nn esistono qui giubbotti da 800 0 1000 euro. tu di dv 6???? e cmq tu ne hai??? e poi sl x te il woolrich è tamarrissimo. io sono di reggio emilia e x tua info cel ho 1giacca che costa + di 1000? ma non sono tenuto a dire quanto in effettivo costa, x me il woolrich resta cmq 1giacca ormai da tamarro, io l ho presa 3 anni fa quello corto quando ancora nessuno o quasi cel aveva, ora tutti cel’hanno sia tarocco che originale; idem Dsquared2 che l avevo iniziato a comprare 2anni fa circa o forse + ed ora cel ahnno tutti (sia tarocco che originale) o cmq che la comprano su internet contraffatta.

nevio1987 ha scritto:kia36 ha scritto:da noi se ti soddisfa no. il max è 4oo euro. xke poi nn esistono qui giubbotti da 800 0 1000 euro. tu di dv 6???? e cmq tu ne hai??? e poi sl x te il woolrich è tamarrissimo. POI Cè DA VEDERE SE è VERO : )))

anche io spendevo e spandevo con i soldi dei miei!!!poi quando,giustamente, mi hanno detto caro ragazzo adesso sei grande arraggianti beh mi son limitato,percgè guadagnarli è dura e spenderli per cose superflue o con costi eccessivi non è il massimo,perchè o ti compri la giacca da figo da 1000 euro o mangi!!!Comunque se tu puoi spendere così tanto buon per te sei fortunato,i miei i loro soldi se li tengono apparte alcune ecezzioni,e comunque fanno bene!
peuterey wikipedia Forum Moda e trend
!!Ah e renditi conto che se dici che un giubotto non costa l’equivalente dello stipendio di un operaio,non è bello, bè guardati attorno un attimo e ti rendereai conto che il mondo non è solo moda e sperpero!!!

nevio1987 ha scritto:kia36 ha scritto:da noi se ti soddisfa no. il max è 4oo euro. xke poi nn esistono qui giubbotti da 800 0 1000 euro. tu di dv 6???? e cmq tu ne hai??? e poi sl x te il woolrich è tamarrissimo. ti dico la verità nn ci credo ke tu abbia una giacca da 1000 euro. cmq nn credo ke tu 6 stato il primo ad avere queste cs.

peuterey piumini Forum di Quattroruote

giacconi invernali peuterey Forum di Quattroruote

Negli ultimi 3 4 anni ho sempre trovato compagnie più economiche, talvolta anche blasonate.

Sedili MOLTO più larghi, bagagli compresi e prezzo più conveniente. Ora come ora prenderei in considerazione ryan air solo per i voli in superofferta a 5 euro, per il resto non ci penso nemmeno.

Ultimamente ho volato con vueling, easyjet, iberia, transavia. tutte di livello nettamente superiore a ryan air eppure più convenienti.

Raccomando soprattutto Transavia, mi ci sono trovato proprio bene. Poi è la low cost della ktm quindi c anche la garanzia di un grande gruppo alle spalle.

Ma l visto dov il prezzo del petrolio?

Cosa vi aspettavate? Viaggiare costa ed è giusto che sia così.

Io non capisco proprio quei voli a 29?. per carità!

Gente che con prezzo andava a fare shopping a Londra, consumando e inquinando mezzo mondo solo per il gusto di dire all ero a Londra e oggi sono già tornata. wow.

Dite di no? i prezzi della economicissima Ryanair sono già triplicati e col petrolio fisso a 105$ non farà altro che peggiorare.

Io, tutto sommato,
peuterey piumini Forum di Quattroruote
non sono dispiaciuto di questo.

Ma poi, detto tra noi, che caxxo ci venite a fare a Londra?

Fa freddo, si mangia malissimo, tutto costa un occhio della testa e venire a fare shopping qua vuol dire essere masochisti.

Negli ultimi 3 4 anni ho sempre trovato compagnie più economiche, talvolta anche blasonate.

Sedili MOLTO più larghi, bagagli compresi e prezzo più conveniente. Ora come ora prenderei in considerazione ryan air solo per i voli in superofferta a 5 euro, per il resto non ci penso nemmeno.

Ultimamente ho volato con vueling, easyjet, iberia, transavia. tutte di livello nettamente superiore a ryan air eppure più convenienti.

Raccomando soprattutto Transavia,
peuterey piumini Forum di Quattroruote
mi ci sono trovato proprio bene. Poi è la low cost della ktm quindi c anche la garanzia di un grande gruppo alle spalle.

peuterey outlet veneto Finanzieri nei panni di turisti per individuare venditori abusivi in spiaggia

peuterey giacca donna Finanzieri nei panni di turisti per individuare venditori abusivi in spiaggia

Le Fiamme Gialle hanno effettuato controlli a tappeto, sequestrando circa mille prodotti tra maglie, polo, piumini, scarpe, borse ed accessori recanti marchi delle pi note case di moda e denunciando all giudiziaria di cinque persone, un commerciante italiano e quattro cittadini stranieri.

Il blitz della guardia di finanza di Albenga e Finale Ligure scattato dopo svariati giorni di appostamenti e pedinamenti finalizzati a individuare i tratti di spiagge maggiormente interessati dal fenomeno dell commerciale nonch i soggetti quotidianamente dediti alla vendita di capi di abbigliamento contraffatti. I finanzieri hanno le spiagge da Loano ad Andora confondendosi tra i turisti degli stabilimenti balneari. Oltre ad evitare la fuga dei venditori abusivi, la dei militari ha consentito di scovare i luoghi utilizzati, anche grazie alla complicit di alcuni operatori commerciali locali,
peuterey outlet veneto Finanzieri nei panni di turisti per individuare venditori abusivi in spiaggia
quali depositi dei capi ed accessori contraffatti: cabine guardaroba, giostre per bambini, autoveicoli, sottopassaggi.

Tale circostanza e le caratteristiche di somiglianza dei capi d sequestrati, lasciano ipotizzare l di un organizzazione criminale che provvede alla distribuzione dei prodotti contraffatti lungo tutto il litorale del ponente ligure. Ci supporta quanto gi emerso nel corso di precedenti attivit svolte, nei mesi scorsi, dalla Guardia di Finanza di Albenga nello specifico settore: allora furono rinvenuti anche veri e propri d nei quali erano rappresentati i vari modelli disponibili dei marchi maggiormente in voga. Questo stratagemma permette ai singoli venditori abusivi di detenere piccoli quantitativi di merce, effettuando vendite ordinazione riducendo cos il rischio del sequestro di ingenti quantitativi da parte delle forze di polizia.

a rammentare che la sanzione amministrativa pecuniaria prevista per gli acquirenti di prodotti contraffatti varia da 100 a 7.000 la Guardia di Finanza invita a non comprare merci per le quali non sono garantiti gli standard qualitativi di produzione che rispettino i requisiti previsti dalla Comunit Europea e che tutelano la salute pubblica. Infatti, i capi di abbigliamento contraffatti potrebbero contenere sostanze nocive ed allergeniche potenzialmente pericolose per la salute dell cos come riscontrato in alcune localit italiane dove sono tuttora in corso accertamenti di laboratorio per verificare la genuinit sotto il profilo sanitario,
peuterey outlet veneto Finanzieri nei panni di turisti per individuare venditori abusivi in spiaggia
dei prodotti posti in sequestro si legge in una nota della Finanza.

rivenditori peuterey figura di Roberto Piumini

www peuterey it figura di Roberto Piumini

“Nell’anno 1456, oltre a innumerevoli eventi che, seppure poco contassero, non lasciarono il mondo tale e quale, accadde a Prato il fatto che vogliamo raccontare”.

Filippo Lippi (Firenze 1406 Spoleto 1469), nato dal beccaio Tommaso, appartenente all dei Carmelitani era sì frate ma non più di “bianchissima fama, avendo sfogliato più sottogonne e colletti di donne che tomi di scolastica”. Il religioso “pittore apprezzato e voluto” era stato chiamato al monastero di Santa Margherita di Prato per dipingere sopra l maggiore una Madonna e Angeli, “e in altre chiese e case per altri lavori”. Allora Filippo aveva compiuto la “tonda età di cinquant ma nonostante indossasse la tonaca, da sempre si era mostrato galante nei confronti del gentil sesso. Filippo sapeva di possedere un ingegno celeste, ingegno manifestatosi fin da quando era novizio presso il fiorentino convento del Carmine. “Come Vasari dice, e Bandello ricopia”, il giovane Filippo invece di studiare non faceva altro che “imbrattare con disegni di fantocci i libri suoi e altrui”. Figure che con lamenti chiedevano “di venire al mondo degli occhi”, quindi il Priore del convento, avendo intuito il “bel dono” del novizio lo lasciava lavorare con “sguardo e pennello” giacché “al mondo c bisogno di ogni arte, e ben si vede qual è la tua”. Ma è “tempo di avviarsi a narrare la storia, senza la quale il racconto non sarebbe cominciato”. Giungeva Filippo da Firenze a Prato in compagnia di fra Diamante, come lui entrato, con assai meno valore, “nello studio e nella pratica della pittura”. Anche a Prato non mancavano donne da guardare e da desiderare, alle quali lanciare con sguardi complimenti, elogi e “promesse di piacere” che presto diventavano realtà perché spesso Filippo trascurava santi e angeli da affrescare su pale ed altari. Adesso la nomea del frate malandrino si era sparsa per Prato non nuocendo alla sua fama, “anzi qualcosa aggiungeva al nome del nostro pittore”. Curiosamente Filippo continuava a rimandare l al monastero di Santa Margherita fino al giorno nel quale durante un furioso temporale i due frati erano corsi a ripararsi “a tonache alzate” sotto uno “sporto di bottega” proprio nel momento in cui erano arrivate dalla parte opposta tre monache di corsa anche loro in cerca di riparo. Filippo “pittore d era rimasto colpito dalla novizia, dal volto di quella giovane donna, già immaginando di cogliere col pennello il colore, la forma e “l figura”. Ciò che Filippo aveva visto nel viso della novizia

In questo piccolo ma raffinato libro,
rivenditori peuterey figura di Roberto Piumini
Roberto Piumini, autore poliedrico e traduttore, racconta l fatale tra Filippo Lippi e Margherita Buti, dallo “spirito intenso”, appartenente a una ricca famiglia di Firenze, “grande famiglia, grandi averi”. Fatta monacare con il nome di Suor Marta dal fratello mercante Francesco, Suor Marta aveva accettato il proprio destino e lo viveva in condizione di “remissiva e quotidiana, quasi elaborata pazienza”. Considerato che la vita della monaca è precisa, guidata da regole ferme e severe, alla giovane era proibito vedere il ritratto che fra Filippo le stava facendo, essendo stata scelta dal pittore come modella per “Nostra Madre Vergine”. Ma Suor Marta aveva rotto la regola che le imponeva modestia assoluta e una volta lontana la sua guardiana, l Suor Caterina “provvista di baffi”, si era avvicinata al dipinto.

“Fra veste e capelli, fra collana e fiori di serto, Lucrezia vide il proprio volto malconosciuto: mobile, splendente, arrossato, sorpreso e ridente volto di sposa”.

Con finezza e sottile ironia, tra sacro e profano, l delinea la personalità di un uomo nato e vissuto secoli fa che amò l e la pittura più di se stesso. Si può comprendere la fuga di Filippo e Lucrezia persi nella contemplazione del ciclo di affreschi nella Cappella Carafa della Basilica romana di Santa Maria sopra Minerva ad opera del sommo pittore Filippino Lippi (Prato 1557 Firenze 1504), frutto di una grande passione.

“. l come la pittura, si dedica assai più all dell al suo segno eterno e inconsumabile, che alla visibile superficie: e in qualche modo altrettanto fa la pittura. Essa prende si, e fissa, il volto: ma lo fa nel momento eterno del suo mutare”.
rivenditori peuterey figura di Roberto Piumini

www peuterey it outlet fiere e saloni del libro e del fumetto

peuterey com fiere e saloni del libro e del fumetto

Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.

Il 30 Salone del Libro abbatte i recinti delle case editrici. Il reticolo di stand cui siamo abituati fin dal 1988 il prossimo maggio si dissolverà. Al suo posto, un unico grande open space intervallato da leggii, tanti leggii foderati di tessuto fono assorbente. Un tappeto di libri con zero barriere intervallato da due piazze iconiche, quella dei librai e l’arena dei dibattiti, che stanno costruendo i laboratori di scenografia del Teatro Regio. Tutto questo nascerà nel padiglione 3, che sarà il cuore del nuovo Salone. Ad anticiparlo è Matteo Robiglio del Dipartimento di Design del Politecnico di Torino: lui è l’architetto incaricato dalla Fondazione di rivoluzionare un arredo che ormai aveva trent’anni e li dimostrava. Ha presente gli spazi degli Apple store? spiega l’architetto bene, nel nuovo Salone i librai e i piccoli editori faranno parte di un unico grande mare magnum, in cui sarà bello smarrirsi: ma attenzione, si abbatteranno le vecchie scatoline degli stand, ma ogni editore sarà ben riconoscibile grazie a speciali totem.

Aggiunge: Osservato dall’alto il padiglione 3 sembrerà ricorderà un grande mercato di pagine e colori da sfogliare: a terra un manto di morbida moquette colorata in decine di tinte diverse servirà a delimitare e contraddistinguere gli stand.

A parole tutta questa seduzione è ancora difficile da immaginare, ma Robiglio spiega che fra pochi giorni, il 21 febbraio, verranno diffusi i rendering in grado di spiegare alla perfezione l’effetto che farà. Continua: Le altre due parole d’ordine della nostra “mission” sono state: meno rumore e basta luce accecante e impersonale dei neon, per questo abbiamo pensato di foderare il più possibile pavimenti e tavoli e, appunto leggii, con materiale in grado di assorbire il rumore, l’altra novità riguarda il sistema di illuminazione, la luce fredda da fabbrica cederà il posto a quella morbida che a tratti diventerà penombra. E sulle pareti del Salone scorrerà la lettura 2.0: i tweet, i post e le immagini via Instagram che riguardano l’evento.

Nel padiglione 1, invece, spiega ancora Robiglio, ci saranno gli stand istituzionali: Comune, Regione e ministeri. Nel padiglione 2 troveranno posto le grandi case editrici, e lì gli stand tradizionali sopravviveranno. Confermato al padiglione 5 il Bookstock Village dedicato ai piccoli lettori (il più grande spazio educational d’Italia), dove si possono incontrare gli autori più amati, gli illustratori di libri, personaggi del mondo scientifico e conoscere tutti i mestieri legati al libro e partecipare a decine di laboratori) e al fondo di questo spazio l’area dedicata all’International Book Forum. Confermato l’utilizzo delle tradizionali sale dalla gialla alla blu per organizzare gli incontri con gli autori anche se parecchi dibattiti si terranno nella nuova area del padiglione 3.

Intanto sono già partiti i bandi per que sto restyling. Il primo avviso riguarda la fornitura a noleggio, montaggio e smontaggio degli stand preallestiti del Padiglione 3 e dell’Incubatore, degli arredi della Piazza delle Librerie, della segnaletica e delle moquette per il Salone 2017. Il restyling degli stand e dell’intero Padiglione 3 è stato studiato dal Dipartimento di Design del Politecnico di Torino coordinato dal professor Matteo Robiglio. Uno studio che permetterà di offrire agli espositori stand base rinnovati, sostenibili come costi e materiali e accurati dal punto di vista dell’ergonomia e dell’illuminotecnica.

Se alzi un muro pensa a cosa lasci fuori diceva Italo Calvino. Quel monito, inciso su un mattone, campeggiava ieri sulla libreria di Massimo Bray, futuro presidente del Salone Internazionale del Libro, in collegamento Skype con l’aula magna della Cavallerizza di Torino. Una coincidenza fino a un certo punto, ha confidato poi l’ex ministro della Cultura. Perché ieri nella Conferenza a medio termine di Salto30 è stato svelato il tema della trentesima edizione (o dell’orgoglio ritrovato, dopo il doloroso strappo con Milano) che si terrà al Lingotto dal 18 al 22 maggio.

Il filo conduttore sarà Oltre il confine. Una scelta che ben si adatta ai tempi dell’America di Trump che alza i muri, e della Brexit che minaccia l’unità europea. Tanto è vero che i Confini sono anche il tema di Libri come, la festa della lettura curata da Marino Sinibaldi che si terrà a Roma dal 16 al 19 marzo. Ma al Salone di Torino quel titolo servirà anche per andare oltre le frontiere culturali, quelle che separano letteratura, arte, graphic novel e cibo, per citare solo alcuni esempi. E che il prossimo Salone del Libro creato dalla triade Nicola Lagioia, Massimo Bray e Mario Montalcini (presidente fino a fine marzo, quando diventerà il vice di Bray) riunisce invece sotto lo stesso tetto. Nel manifesto disegnato dalla matita geniale di Gipi si vede un grande libro aperto a scavalcare un muro sormontato dal filo spinato, sul cui dorso sta una ragazza che spinge lo sguardo in avanti.

Dire che il Salone del Libro ha voltato pagina è tanto banale quanto vero. Negli ultimi mesi è cambiato tutto, ai timori si è sostituito un incontenibile entusiasmo e all’horror vacui degli editori che se ne vanno l’horror pleni di un tutto esaurito, come ha fatto notare Lagioia: A tre mesi dall’evento, hanno già aderito oltre trecentodieci editori: il 96% degli espositori del passato ha confermato la propria presenza. Il nuovo problema, dunque, è la sovrabbondanza, e ieri sui social network curati dalla Scuola Holden come tutto lo storytelling della conferenza di ieri, scandita da gustose slide rimbalzava l’idea che ormai sia out non venirci a Torino, preferendo il rivale milanese Tempo di Libri.

Questo entusiasmo si legge nel comportamento degli sponsor (ieri Valmora ha comprato una pagina dei quotidiani per spiegare che i libri sono di tutti, ma il Salone è di Torino) ai quali di recente si è aggiunta Reale Mutua. Poi nei partner, a cominciare dall’Università di Torino per finire con l’Unione Industriale e passando dalla Children’s Book Fair di Bologna. E così, di fronte ai sorrisi della sindaca Chiara Appendino e del presidente della Regione Sergio Chiamparino, i vertici del Salone hanno fornito un antipasto di quanto accadrà al trentesimo Salone. Tornerà l’International Book Forum che ha già centrotrenta iscritti e quest’anno si apre al mondo dell’audiovisivo.

Una novità sarà invece il Superfestival che raccoglie diciassette kermesse culturali italiane, per arrivare a GasTrOnomica, l’area dedicata ai libri sul cibo realizzata insieme con Slow Food. La Toscana sarà la Regione ospite, e il tema Oltre il confine sarà declinato in diverse sezioni: dal ritorno delle Anime arabe nel nome di Giulio Regeni, a Another Side of America, con tanto di libreria a Stelle e Strisce al Lingotto. Si parlerà di frontiere, flussi migratori, popoli in fuga da guerre e carestie. La sezione We have one another, invece, dedicherà una riflessione alla condizione femminile. Nuove anche le Letture ad alta voce curate da Giuseppe Culicchia.

Gli anniversari sono tanti e il Salone li ricorderà tutti: i cento anni della Rivoluzione d’Ottobre, i cinquanta dalla scomparsa di don Milani e di Totò, i trenta della diversa presenza di Primo Levi. Al Lingotto, poi, arriveranno i Romanzi impossibili (cioè quei romanzi fuori formato, anti canonici, eretici, che forse però stanno aprendo nuove strade per la letteratura), la Libreria diffusa realizzata da librai, bibliotecari e consulenti editoriali, la nuova sezione M Music Books dedicata all’editoria musicale e alla discografia.

Dopo le 20, il Salone si sposterà in tutta la città con il cartellone di eventi Off. Preceduti, tra pochi giorni, dalla nuova Grande PrimaveraTorinese. Si comincia il 9 marzo con il Premio Pulitzer Philip Schultz. A seguire, nell’ordine: la Giornata Mondiale della Poesia (21 marzo), il maestro americano della short story Charles D’Ambrosio (29 marzo), il disegnatore Igort (4 aprile), la serata dedicata a Matera, Capitale Europea della Cultura (18 aprile), il Nobel Svetlana Aleksievic (28 aprile), la poetessa del rock Patti Smith (6 maggio all’Auditorium Rai) e l’autore culto americano Ben Lerner (12 maggio). Diceva bene l’ultima slide dello storytelling: sarà un SalTo col botto.

Dal19 al 23 aprile 2017 a Milano è in programma l’attesa prima edizione di Tempo di libri, la nuova fiera dell’editoria, voluta dall’Associazione Italiana Editori, che la organizza insieme a Fiera Milano (è nata appositamente La Fabbrica del Libro), con l’appoggio del Comune.

Come si legge nella presentazione ufficiale, Tempo di libri si pone come una manifestazione all’insegna “dell’apertura e dell’inclusività”. E ancora: “Sarà una grande festa, il cui carattere innovativo partirà dal rapporto tra editori, autori e lettori”. Gli editori sottolinea il comunicato sono stati coinvolti direttamente nella definizione del programma: “non come soggetti esterni, ma come veri e propri consulenti; gli autori hanno risposto con curiosità ed entusiasmo all’invito a partecipare a incontri che escono dalla routine della presentazione di un libro; i lettori, infine, saranno i veri protagonisti della Fiera. Attraverso lo strumento dell’alfabeto (una griglia su cui sono suddivisi tutti gli appuntamenti della manifestazione) ognuno potrà costruire e scoprire il suo personale Tempo di Libri,
www peuterey it outlet fiere e saloni del libro e del fumetto
rispondendo alla seduzione del nome di un autore, di una storia, di un grande tema, di un’atmosfera o semplicemente scegliendo la sua lettera preferita”.

Nei padiglioni della fiera (l’1, riservato al MIRC, il 2 e il 4) in programma 720 appuntamenti, ospitati da 17 sale adibite agli incontri più un auditorium da 1000 posti, per un totale di 35mila metri quadrati di spazi e oltre 400 espositori tra case editrici, riviste, associazioni, biblioteche, librerie, enti pubblici e start up. Tempo di Libri, infatti, spiegano gli organizzatori, “si rivolgerà davvero a tutti”: dall’appassionato che acquista decine di libri all’anno al lettore occasionale, da chi è rimasto fedele alla carta (per i bibliofili più appassionati l’appuntamento è allo stand di libri antichi curato dall’Aldus Club) a chi si è innamorato degli ebook, a chi preferisce servirsi di entrambi i formati. A questo proposito, si legge che “anche la dialettica tra analogico e digitale si rivelerà in realtà superata, in un programma che darà spazio a letture al buio e ad alta voce, audiolibri e fumetti, commistioni con il cinema e con la musica, con il web e con i videogiochi”.

L’IMMAGINE DELLA FIERA AFFIDATA A MAGOZ

L’identità visiva della Fiera “riassume l’idea della trasversalità, del viaggio attraverso simboli e mondi di storie: è stata infatti affidata all’illustratore concettuale Magoz, nato a Barcellona ma ‘nomade’ sia per i tanti Paesi nei quali ha vissuto e che gli sono di ispirazione, sia nei significati che di volta in volta sceglie di trasmettere, filtrati dalla sua matita minimalista e, al tempo stesso, poetica”. Alla sua prima esperienza di illustrazione per una fiera, si è concentrato si spiega nella nota sull’oggetto concetto del libro, dispiegando tutto ciò che può diventare: una finestra sui sentimenti, una porta sul mondo, un luogo accogliente dove sognare e molto altro.

Tempo di Libri offrirà anche una finestra sull’attività e i contenuti di alcuni festival del nostro Paese, che potranno affacciarsi sui disegni culturali e progettuali di altre iniziative affini e presentarsi al pubblico organizzando propri incontri. Si racconteranno in Fiera, a questo proposito, il Festival Isola delle Storie di Gavoi, il Festival della Mente di Sarzana, pordenonelegge, le Lezioni di Storia, il festival per ragazzi Mare di libri, Letterature Festival Internazionale di Roma, scrittorincittà, Leggermente, Libero di Scrivere e Festival degli Scrittori Premio Von Rezzori.

IL COINVOLGIMENTO DI SCUOLE, MASTER E UNIVERSITA’

Attenzione, naturalmente, per bambini e ragazzi. La sezione dedicata alle scuole prevede un programma di incontri e laboratori: dai bambini in età prescolare (grazie all’alleanza con Nati per Leggere) agli allievi delle scuole primarie e secondarie. Con la bussola dell’alfabeto, dotati di una mappa con un percorso ideale per le scuole, ragazze e ragazzi si confronteranno con ospiti italiani e internazionali. Anche grazie alla partnership tra la Fiera e Lucca Comics Games non mancherà un focus sugli illustratori, sul fantasy e sui fumetti. Tempo di Libri è anche per chi studia all’università, attraverso le collaborazioni con gli atenei milanesi, lombardi e di tutta Italia e con i Master in Editoria.

Lo stesso approccio sarà rivolto alla filiera dell’editoria, con un programma professionale che conterà su più di sessanta appuntamenti, spaziando dal mestiere di traduttore all’analisi dei mercati, dal focus sull’internazionalizzazione agli approfondimenti sulle nuove frontiere dell’innovazione (spesso affrontate a braccetto con la più trasversale delle sezioni della Fiera, quella dedicata al mondo digitale). E poiché rivolgersi a tutti i lettori significa ragionare su tutte le forme di lettura, il programma professionale proporrà anche un convegno per presentare lo studio realizzato da Pepe Research, ideato e progettato da AIE su indicazione del Gruppo Innovazione, su come si legge nel 2017: dalla carta all’ebook, dai fumetti ai graphic novel, dall’audiolibro alle app, dai tradizionali gruppi di lettura alle moderne comunità online. E fotograferà a tutto tondo, grazie all’Istat, l’identikit del non lettore italiano e di chi è diventato non lettore in questi anni.

LO SPAZIO PER LO SCAMBIO DI DIRITTI

Le polemiche, le mediazioni, i muri, sono ormai alle spalle. La Fiera dell’Editoria Italiana ‘Tempo di Libri’ ha messo in moto una macchina gigantesca ed è pronta a partire. Con 2000 autori e oltre 550 espositori, che si sono aggiunti fino all’ultimo, il 19 aprile si apre la prima edizione della Fiera milanese, che si concluderà il 23 aprile. All’inaugurazione ci sarà il ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, che nel 2016 fece un tentativo di mediazione cercando di lanciare un’intesa tra Torino e Milano. A dare il via alla nuova fiera saranno i presidenti Roberto Rettani, di Fiera Milano, Federico Motta, dell’Associazione Italiana Editori, Renata Gorgani, de La Fabbrica del Libro, Roberto Maroni, della Regione Lombardia e il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Lo sdoppiamento dei Saloni è ormai una realtà e sia a Fiera Milano Rho che al Lingotto, dove dal 18 al 22 maggio si svolgerà la trentesima edizione del Salone del Libro, tutto procede alla grande. A placare le acque forse anche l’arrivo alla guida di due scrittori giovani, coetanei e amici: Chiara Valerio, responsabile del programma generale della Fiera milanese, e il premio Strega, Nicola Lagioia, direttore editoriale del Salone torinese.

Tra i 552 espositori presenti a Milano non ci sono alcuni degli editori indipendenti che avevano dato vita all’Associazione Amici del Salone e anche altre case editrici, ma molti degli assenti anche se non hanno uno stand in fiera partecipano alla prima edizione di ‘Tempo di libri’ e del suo ‘Fuori tempo’ in città che sfodera oltre 100 appuntamenti. E’ così per Adelphi che tra i suoi eventi ne ha uno speciale con la scrittrice Fleur Jaeggy all’Istituto svizzero. Anche Sellerio non ci sarà, ma verrà a Milano Marco Malvaldi e neppure La Nuova Frontiera, ma non mancherà alla fiera Diego Osorno. E così L’Orma editore, ma ci sarà Tommaso Pincio, e Nottetempo, ma ci sono Ida Amlesù, Barbara Alberti, Ginevra Lamberti. Mancano Marcos y Marcos ma c’è Paolo Nori, Archinto ma c’è Ranieri Polese.

Non ci sono proprio Minimum Fax, Sur, Iperborea, Voland, 66thand2nd ed e/o, ma tutti per motivazioni diverse. A restare sulle proprie posizioni di partenza è l’editore di e/o Sandro Ferri: “Noi andiamo a Torino dove siamo sempre stati bene. Non abbiamo mai capito e continuiamo a non capire la necessità di fare un’altra fiera nello stesso periodo dell’anno a 50 minuti di distanza. Mi sembra un’idea assurda, un ennesimo episodio di accentramento nelle mani di grossi gruppi. Non è una questione economica, le fiere si fanno per promozione, anche se Torino quest’anno ha fatto progressi, ha ridotto i costi”. E’ invece legata anche alle spese “che sono sempre impegnative” l’assenza di 66thand2nd, come spiega l’editrice Isabella Ferretti. “La mia speranza dice la Ferretti è che la finiamo di farci domande su chi va da una parte o dall’altra, sulle presenze alle due fiere. Il problema non è quello di riempire spazi so che a Torino ci sarà una grande partecipazione di editori di diverse dimensioni ma affrontare a livello più alto il problema della lettura”.
www peuterey it outlet fiere e saloni del libro e del fumetto

taglie peuterey Feste e sport per tutte le età

peuterey sambo Feste e sport per tutte le età

sempre lei la grande protagonista dell’estate. Courmayeur festeggia la sua montagna con una ricca serie di appuntamenti. Uno dei più sentiti è la Festa di San Pantaleone, che dal 25 al 27 luglio porta in paese una ventata di allegria, musica, gastronomia e folklore: il clou della manifestazione è lo Street Party, particolarmente apprezzato dai giovani.

Molto attesi gli incontri di Passione Verticale: aneddoti e avventure raccontate dai più brillanti interpreti della montagna, oltre a una serie di film sul tema. Il 31 luglio le guide alpine Edmond Joyeusaz e Federico Colli illustrano la loro impresa in Himalaya; il 2 agosto spazio al grande Pierre Mazeaud, amico di Bonatti, mentre il 9 sono attesi Arnaud Petit e Stéphanie Bodet. Il 17 è la volta di alcuni grandi nomi dell’alpinismo al femminile, tra cui spiccano Angelika Rainer e Anna Torretta. Dal 21 al 23 agosto è invece di scena il Festival delle Nuove Vie con scrittori, giornalisti, imprenditori e alpinisti, come Alan Friedman, Stefano Benni, Antonio Monda, Ardito Desio, Agostino da Polenza e Mirella Tenderini, Simone Moro, Domenico Quirico, Marco Albino Ferrari e vari altri.

Per tutta l’estate al Museo Alpino Duca degli Abruzzi si può visitare la mostra Bivacchi e rifugi delle Alpi, mentre dal 19 luglio al 25 agosto La Maison de Judith, nel cuore della Val Ferret, propone una mostra di arte contemporanea dedicata al Mont Blanc. Per quanto riguarda la gastronomia, il Matsòn (ovvero la merenda) dà il nome alla fiera enogastronomica del 6 settembre che trasforma il centro storico in un colorato mercato con i prodotti a km 0 della Valdigne.

E veniamo ai piccoli: dal 14 luglio al 24 agosto la Mini Mont Blanc Mania coinvolge ogni giorno bambini dai 6 ai 12 anni con artigianato, musica, sport in Val Ferret tra mountain bike trekking e golf, passeggiate guidate, giochi e cinema. E per i più piccoli dai 3 ai 6 anni ecco Jamboree: ogni mercoledì pomeriggio, fino al 20 agosto, attività con animatori (tel. 0165.841612).

Scarponi ai piedi è ora di scoprire la Val Ferret, la Val Veny e l’area di Chécrouit lungo 300 km di sentieri. Pura emozione in Val Ferret al rifugio Bertone con vista sulll’Aiguille Noire du Peuterey, il Bianco, il Dente del Gigante, le Grandes Jorasses, il Mont Dolent, e il ghiacciaio della Brenva. Attraverso la balconata sul Monte Bianco si può raggiungere a 2025 m il panoramico rifugio Bonatti o il rifugio Elena (2061 m) affacciato sul millenario ghiacciaio di Pré de Bar.

In Val Veny, nei dintorni del bivacco Hess, si trovano ancora strutture militari del primo novecento come la Casermetta gestita dalla Fondazione Montagna sicura, che organizza laboratori e seminari sul paesaggio alpino. Imperdibili il trekking a La Visaille fino alla morena del ghiacciaio del Miage con laghetti color turchese e al santuario Notre Dame de la Guérison, dove si offrivano ex voto dopo i tentativi di risalita del Monte Bianco. Per i più esperti numerosi i sentieri attrezzati come il Mont de la Brenva, le vie ferrate al bivacco Borelli e quella del Bicentenario al Mont Chétif. L’area di Checrouit è un altopiano panoramico dove i ristoranti offrono soste golose. Non solo: a Plan Chécrouit si trova la piscina alpina riscaldata più alta d’Europa (1.700 m) e gli amanti del trekking possono esplorare l’Alta Via n.
taglie peuterey Feste e sport per tutte le età

piumini peutery FERRATA PER IL BIVACCO BORELLI

peuterey sceptre FERRATA PER IL BIVACCO BORELLI

FERRATA AGIBILE AREA SOGGETTA A FRANERegione: Valle d’AostaComune: CourmayeurVallata: Val VenyCollocazione: Sotto la parete Sud dell’ Aiguille Noire de PeutereyPunto di partenza: Loc. PeutereyVALUTAZIONE DELLA VIA FERRATAL TMitinerario per raggiungere il bivacco Borelli parte dai casolari di Peuterey, in Val Veny, ed costituito da tre parti. La prima parte (avvicinamento): Un sentiero che con svariati tornanti risale il pendio inclinato alla base della montagna, ricoperto di sassi e di una foresta di pino ed abeti. Il sentiero termina a quota 1920 metri circa, a ridosso delle rocce, dopo aver costeggiato e lasciato a destra una grande cascata; La seconda parte (via ferrata): La seconda parte rappresentata dalla ferrata vera e propria (creata nel 1986) che presenta tratti molto esposti e verticali, attrezzati con catene e scale in ferro ancorate alle rocce. La ferrata termina a quota di 2100 metri circa (con il superamento di una placca liscia ed esposta attrezzata con spuntoni), all TMinizio del pianoro sommitale, su tracce di sentiero che iniziano sulla sua sinistra (nei pressi delle pareti rocciose del Mont Rouge); La terza parte (bivacco): La terza parte consiste nella risalita dell TMaltopiano sospeso, seguendo le tracce di sentiero, con attraversamento dei vari corsi d TMacqua (che pi in basso formano la cascata) e l TMattraversamento della conca da sinistra verso destra, fino a raggiungere il Bivacco Borelli (2325 mt.), incastonato sotto le rupi dell TMAiguille Noire de Peutrey

Seguire l’autostrada A5 in direzione Monte Bianco fino a Courmayeur. All’uscita autostradale di a Courmayeur proseguire dritto e continuare superando l TMingresso del paese (rotatoria). Dopo poche centinaia di metri, svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per la Val Veny. Risalire la Val Veny fino alla localit Purtud. Da qui proseguire fino alla localit Peuterey (1504 mt.), dove si lascia l’auto nel parcheggio antistante l’area del campeggio Monte Bianco e ci si incammina lungo il sentiero segnalato.

Dati della Via Ferrata:

Altitudine: dislivello in altezza, dal punto di partenza (1504 mt.) al bivacco Borelli (2325 mt.) di 823 metri, mentre lo sviluppo della Via ferrata, sulla parete, di circa 200 metri.
piumini peutery FERRATA PER IL BIVACCO BORELLI

peuterey revenge Fermata fabbrica di etichette per falsi d

peuterey daunenweste Fermata fabbrica di etichette per falsi d

Scoperta e sgominata la fabbrica del falso. Colpo al commercio abusivo grazie all’indagine della Polizia Municipale (operazione Gold Singer) che, seguendo i movimento della merce falsificata, è risalita ad un appartamento in centro dove venivano applicati i marchi di note etichette della moda a borse, giacconi, scarpe e vari capi d’abbigliamento. Finora una persona è stata denunciata, ma le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica e svolte dagli agenti di via Battisti, sono in corso per accertare eventuali ulteriori responsabilità. I capi contraffatti che uscivano dall’appartamento rifornivano il mercato del falso, dal commercio ambulante ad alcuni negozi.

Ringrazio la determinazione del reparto antidegrado, polizia amministrativa e polizia giudiziaria, che giornalmente si sono dedicati a questa attività con audacia e senza risparmiarsi. “La perseveranza è ciò che rende l’impossibile possibile, il possibile probabile, e il probabile certo.”(Robert Half) E’ stato il frutto di una attività osservativa e di pedinamenti che ha consentito di raggiungere questo risultato che stronca alla base questa attività odiosa e criminosa. commenta il comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli che invita i proprietari di appartamenti che vengono dati in affitto a fare attenzione è utile verificare l’utilizzo dei propri immobili locati, dal momento che se accertate attività abusive si corre sempre il rischio della confisca dell’immobile. Queste azioni sono importanti perché permettono di risalire la catena del falso e colpire a monte commenta il sindaco di Pisa Marco Filippeschi l’impegno della Polizia Municipale per contrastare il fenomeno del commercio abusivo continua

Sequestrate 10mila etichette sequestrate e altri oggetti, ecco la lista Adesivi trasferibili di vari marchi: Adidas, Adidas modello Stan Smith, Converse modello All Stars varie fogge, Nike Mod Air Max e Air Huarache, Prada, Fred Perry, Saucony modello jazz. Loghi in tessuto dei marchi: Moncler, Colmar, K way, Woolrich, Fred Perry, Stone Island in forma sia rettangolare che tonda. Loghi ed etichette in tessuto a marchio: Napapijri, Gucci, Burberry,
peuterey revenge Fermata fabbrica di etichette per falsi d
North Sails. Loghi ed etichette nere Liu Jo. Ganci per cerniere a marchio Colmar. Etichette in stoffa e gomma a marchio Blauer. Etichette in stoffa Moncler. Nastro in stoffa adesiva a marchio Prada. Loghi in gomma piccolo a marchio Nike Air. Loghi in tessuto a marchio Peuterey. Etichette similpelle a forma rettangolare per pantaloni a marchio Burberry, Dsquared2 denim, Canadiens, Armani Jeans, Belstaff. Cliche’ in metallo per la stampigliatura con pressa a marchio Chanel, Liu Jo, Tods, Gucci, Prada, O’bag, Burberry. Loghi in carta adesiva trasferibili a marchio Adidas, Nike, Fred Perry, Converse. 16 paia di scarpe: 9 modello a marchio Adidas, 2 Nike, 5 Nike modello Balance. Felpa blu Napapjiri, giacchetto in piuma colore blu Napapjiri, 2 giacchetti in piuma Colmar di colore blu, 2 marsupi in similpelle marroni Louis Vuitton, borsa Burberry, 2 pochette Burberry, borsa bianca O’bag, macchina da cucire Brother modello ad ago libero, 2 macchine da cucire Durkopp, macchina da cucire a Pfaff, 3 macchine da cucire Singer, ferro da stiro a Rowenta, valigia trolley di colore blu con rocchetti di filati per macchine da cucire varie grandezze e colori,
peuterey revenge Fermata fabbrica di etichette per falsi d
pressa in metallo priva di marca e modello.