peuterey negozi milano piogge e rovesci in rotta verso la Sardegna meridionale e Sicilia

peuterey catania piogge e rovesci in rotta verso la Sardegna meridionale e Sicilia

Dopo le disastrose alluvioni che hanno flagellato le regioni centro settentrionali, al confine fra bassa Toscana, alto Lazio e Umbria occidentale, il tempo volge definitivamente al miglioramento, dopo giorni di forti piogge e temporali. Discorso diverso invece per le isole maggiori che nelle prossime ore cominceranno ad essere abbordate dal “CUT OFF” (vortice ciclonico chiuso in quota) che nelle ultime ore si è isolato sull’entroterra algerino, a sud della catena montuosa dell’Atlante Telliano, , dove ha dispensato intense precipitazioni, con apporti di oltre i 70 80 mm nelle 24 ore in diverse località (a Saida sono caduti 89 mm, oltre 88 mm a Tlemcen ieri). Nel corso della giornata odierna, con il graduale spostamento verso levante del vortice ciclonico in quota, i corpi nuvolosi e le associate piogge si estenderanno anche alla Tunisia, con la risalita, lungo il margine orientale del “CUT OFF”, di un fronte nuvoloso che dispenserà delle piogge e dei temporali che dal Canale di Sardegna, entro il tardo pomeriggio/sera, abborderanno le coste meridionali della Sardegna, in particolare l’area del cagliaritano, con piogge e probabili rovesci.

I fenomeni si andranno ad intensificare dalla nottata successiva. Ma la nuvolosità, dalla seconda parte di giornata, andrà via via ad incrementarsi pure sulla Sardegna orientale e sulla Sicilia, partendo dai settori di ponente per estendersi al resto dell’isola entro la serata. Ciò verrà anche favorito dall’avvento dell’umido richiamo da E SE nei bassi strati, innescato dal “CUT OFF” che guadagnerà strada in direzione della Tunisia, avvicinandosi sempre più alle nostre isole maggiori. Gli umidi e moderati venti dai quadranti orientali che si alzeranno fra Canale di Sardegna, Canale di Sicilia, basso Tirreno e Ionio, favoriranno lo sviluppo di nuovi annuvolamenti, specie lungo le coste orientali e meridionali della Sicilia, come su gran parte del comparto sud orientale sardo, dove si attiverà un importante “stau” alle correnti di levante. Nella giornata di domani, l’ulteriore consolidamento della struttura anticiclonica sull’Europa centrale, imprimerà uno spiccato moto retrogrado al “CUT OFF” che il giorno precedente si era isolato tra la regione dei Carpazi e i Balcani, a seguito del taglio di un saccatura che si era disposta verso l’Europa centrale.

Tale “CUT OFF” carpatico balcanico, in sfondamento da Est, lungo il bordo meridionale del robusto anticiclone strutturato sulla Mitteleuropa, nel corso della giornata si spingerà in direzione delle regioni centro meridionali, con un nocciolo freddo di 20 a 500 hpa, dove si assisterà ad un marcato incremento della nuvolosità, con associate sporadiche precipitazioni. L’altro “CUT OFF”, quello di origine nord africana, spinto dal “getto sub tropicale” verso levante, dall’entroterra tunisino si sposterà verso il golfo di Gabes, muovendosi successivamente poco a nord delle coste della Tripolitania fino al golfo di Sidra. Transitando a latitudini basse dovrebbe coinvolgere meno la Sicilia, con i fenomeni convettivi più intensi che rimarranno relegati fra il Canale di Sicilia e il mar Libico, dove si potranno originare intense “Cellule temporalesche” che potranno portare dei temporali fra Pantelleria, le Pelagie, le coste meridionali e orientali della Sicilia. Sull’isola le precipitazioni più consistenti, localmente anche a sfogo di temporale, dovrebbero riguardare l’agrigentino ed in seguito sul ragusano, nisseno, siracusano e catanese, dove si assocerà pure l’effetto dello “stau” indotto dagli umidi venti orientali che impattano sugli Iblei e sul versante orientale dell’Etna, venendo costretti a salire verso l’alto da quest’ultimi, tenderanno ad addensare una compatta nuvolosità, la quale darà la stura a piogge di debole e moderata intensità che inframmezzeranno a qualche rovescio più intenso.

Sulle altre province isolane il tempo si impronterà verso una maggiore variabilità, con cieli nuvolosi o molto nuvolosi, e precipitazioni che si renderanno alquanto occasionali, alternandosi a maggiori pause asciutte. Anche l’area dello Stretto di Messina dovrebbe vedere solo qualche pioggia sparsa, grazie alla protezione offerta dall’Aspromonte, agendo da schermo per le umide correnti orientali. Dal pomeriggio di giovedì i fenomeni si potrebbero ulteriormente intensificare sull’area ionica, estendendosi alle coste della Calabria meridionale, in particolare al versante orientale dell’Aspromonte e delle Serre, dove lo “stau” ai venti orientali si farà sempre più marcato, dando luogo a piogge persistenti. Tra il pomeriggio e la serata anche sullo Ionio si potrà accendere una discreta attività convettiva, indotta proprio dall’interazione fra le umide correnti orientali, che scorrono sul bordo settentrionale del “CUT OFF” nord africano, con l’aria più fredda dipanata dal “CUT OFF” carpatico balcanico, in movimento retrogrado verso le regioni centro meridionali. Le precipitazioni proseguiranno ad interessare la Sicilia orientale e la Calabria ionica, con estensione dei fenomeni fino alla Puglia meridionale e alla Basilicata,almeno fino alla giornata di venerdì, con apporti pluviometrici che potrebbero risultare piuttosto consistenti sul versante orientale di Aspromonte e Serre.

Ben due differenti verso l piogge e rovesci in rotta verso la Sardegna meridionale e Sicilia; precipitazioni abbondanti anche sulla Calabria ionica

Dopo le disastrose alluvioni che hanno flagellato le regioni centro settentrionali, al confine fra bassa Toscana, alto Lazio e Umbria occidentale, il tempo volge definitivamente al miglioramento, dopo giorni di forti piogge e temporali.
peuterey negozi milano piogge e rovesci in rotta verso la Sardegna meridionale e Sicilia