peuterey spaccio aziendale Non è vero che è stata garantita la temperatura minima di 18

giacca woolrich donna Non è vero che è stata garantita la temperatura minima di 18

Temperature ben al di sotto dei limiti di legge, e bambini costretti a stare all con i giubbotti addosso. La situazione, gi denunciata nel corso dell riguarda l comunale del Pestello, frazione del comune di Montevarchi. I rappresentanti dei genitori hanno riaperto la questione con una lettera, scritta all di alcune dichiarazioni rese dal sindaco Francesco Maria Grasso alla trasmissione di Valdarno Channel, lo scorso 24 maggio.

“Il Sindaco, a seguito di specifica sollecitazione da parte del Consigliere Fabio Camiciottoli, rispondeva che negli asili e scuole montevarchine era stata assicurata la temperatura di 18 C e che, in particolare, i bambini della Scuola dell del Pestello hanno dovuto sopportare, durante lo scorso inverno, soltanto due giorni e mezzo di temperatura pi bassa a causa di un guasto della caldaia, risolto con la sostituzione della stessa”.

Affermazioni che, sostengono i rappresentanti dei genitori, non corrispondono alla realt dei fatti. “Non vero che la temperatura raggiungeva 18 (e, comunque, 18 sarebbero al di sotto dei limiti minimi di legge). Abbiamo invitato per iscritto, per due volte, l comunale ad una rilevazione della temperatura in contraddittorio con i genitori, ma tali inviti non sono stati raccolti. L caldaia che stata sostituita quella del locale dormitorio, visto che la precedente era gi completamente fuori uso. Viceversa, non ci risulta affatto che sia stata sostituita l caldaia generale, ma solo che si sia provveduto a numerosi interventi di riparazione, che peraltro non sono stati risolutivi dei problemi”.

I genitori denunciano insomma una situazione ben diversa. “In questo inverno, all dei locali della Scuola la temperatura stata al di sotto di ogni standard di abitabilit e, all di alcune classi, ha raggiunto molto spesso punte minime di 13 15 tanto che i bambini stavano in classe col giubbotto e alcuni genitori ci hanno segnalato nei piccoli sindromi da ipotermia. Le temperature risultavano poi particolarmente rigide il luned mattina, dopo due giorni consecutivi in cui la scuola chiusa e l di riscaldamento rigorosamente spento. Inoltre, si verificato spesso che l non sia entrato in funzione automaticamente al mattino, costringendo il personale scolastico a richiedere continui interventi dei tecnici, con conseguenti ritardi nel riscaldamento degli ambienti”.

Senza poi contare, ricordano i genitori, gli altri problemi della scuola: estese formazioni di muffa e umidit infiltrazioni d inefficienza dei radiatori e scarsa tenuta delle imposte. Tutti problemi che, garantiscono i rappresentanti, “erano gi state fatte presenti senza alcun riscontro all con lettere a nostra firma del 16.11.2011 e del 16.02.2012. Quest stata spedita per conoscenza anche ai Capigruppo consiliari ed stata oggetto di specifica interrogazione allo scorso Consiglio comunale del 20.04.2012”.
peuterey spaccio aziendale Non è vero che è stata garantita la temperatura minima di 18