woolrich outlet bologna online Unrest In North Africa Sends Illegal Immigrants To Italian Island

outlet online peuterey Unrest In North Africa Sends Illegal Immigrants To Italian Island

After two days of perfect calm, a north wind is blowing again. The gusts are strong and sudden, like an alarm waking the island of Lampedusa from a year long reverie.Since the revolt climaxed in Tunisia two weeks ago forcing its long time president, Zine El Abidine Bel Ali into exile 190 Tunisians have fled to this small Sicilian island by boat. There are as many as three landings a day. Just the day before, 62 people, including several children, were crowding the dock, which had been virtually deserted since March 2010, following the debarkation of a group of immigrants from Libya. Tunisian, I Tunisian, I Tunisian, a group of young men and nine boys there are no women keep repeating. They are cold and their clothes are soaked. Last Sunday, 32 landed here. The day before, 26 arrived on three different boats. Ten days earlier, a stricken luxury yacht dropped anchor off shore. are Ben Al followers. They told us to bring the boat to safety. We cannot come back. We seeking political asylum, said two sailors, before being sent away.don want to raise the alarm yet but we cannot hide our concern, admits Dino De Rubeis, mayor of Lampedusa. Everyone wants to play down the situation. But everyone knows the arrival of these immigrants might be the first crack in a Tunisian emigration front that was supposed to be sealed, calling into question the sanctity of bilateral agreements between Italy and Tunisia.A visit to the former military base Loran at Capo Ponente, the headquarters of a now closed immigration center, offers insight into what is going on. A fishing boat that arrived yesterday morning is seized here. is not a small boat stolen by runaways in the dark of the night. It looks like a well organized landing, says one local who has seen many arrivals over the years. People are arriving from all parts of Tunisia the south, the north, cities and the countryside.They talk of their disappointment for what they now consider a sham revolution. Al ran away, but his men are still in power, they whisper, before being taken by plane to another immigrant center in Brindisi in southeastern Italy, a stopover on their way back to Tunisia.On the dock, someone suggests that political prisoners released from Monastir prison after the revolution may have fled here, because there were people with scars typical of those who had been jailed there. The prisoners were reportedly marked with one scar for each year spent in jail. Loyalists, disillusioned opponents, all of them desperate, arrive here together. And all of them are sent home together.At 4:45 pm, an Air Mistral plane to Brindisi leaves with its latest cargo of sorrow. It follows the same route that it did the last two days. The centre was the scene of dramatic riots in August 2008. those days, there were 1,200 immigrants crowded in there, living in extreme conditions. There were people who injected their own urine to cause infections. Others mutilated themselves, just to find a way out, says Enza Malatino, psychotherapist at the local health center.Malatino has listened to the stories of mothers who had to throw their children corpses into the sea, the stories of boys who were treated like dogs. She knows those postcards from hell, the nightmare that the island does not want to live anymore. They prefer to pay for a hotel for the immigrants forced to spend the night here, rather than reopen, even for a day, the 760 bed shelter. understand the national government policy, says the mayor. we reopen that shelter even for an hour we give them the pretext to come. Following the new political crisis in the Maghreb, Lampedusa could become once again a favorite destination. Pietro Busetta, the town councilor for tourism and an economist at the University of Palermo, is working to open an immigration museum like the one on Ellis Island in New York harbor. honor the memory of people who arrived here and to show the great tradition of hospitality that this island has always had, he says. Like the tides, history always returns and it is once again knocking on Lampedusa door.
woolrich outlet bologna online Unrest In North Africa Sends Illegal Immigrants To Italian Island

vendita peuterey online uno strumento valido per Corpo europeo di solidarietà e per le organizzazioni SVE

peuterey bomber uomo uno strumento valido per Corpo europeo di solidarietà e per le organizzazioni SVE

La Commissione Europea invita le organizzazioni accreditate SVE all’uso del tool on line PASS. Il nuovo tool, disponibile da marzo 2017, è nato per promuovere l’incontro tra richiesta e offerta di servizi di volontariato europeo, per garantire una partecipazione maggiore dei giovani alle opportunità proposte e supportare le organizzazioni nelle attività di reclutamento.

Pubblichiamo qui di seguito il testo originale diffuso dalla Commisssione e invitiamo tutte le organizzazioni accreditate per lo SVE a promuovere l’iscrizione alla piattaforma ESC dei giovani e delle associazioni con cui sono in contatto.

The European Solidarity Corps initiative was launched one year ago. Since December last year, young people from around Europe can register in the Corps to express their interest in taking part in solidarity activities. Currently, these young people are supported, among others, by the Erasmus+ Programme through EVS.

In March, the European Commission has delivered a new tool called the Placement Administration and Support System (PASS) giving access to EVS accredited organisations to this database. Through the tool, organisations can easily search for young people who registered in the Corps,
vendita peuterey online uno strumento valido per Corpo europeo di solidarietà e per le organizzazioni SVE
based on the personal data and preferences they have specified in their profiles. This information includes their availability, their prior knowledge and experience, their preferences for the types of projects they want to get involved in, and the countries they are willing to go to.

From now on, organisations have the possibility to advertise their volunteering opportunities on the Solidarity Corps portal. Young people registered will be able to search the opportunities and apply through the system.

The advertising of volunteering opportunities is not a novelty for EVS accredited organisations as this functionality is available since 2014 in the volunteering database and many organisations make use of it. Organisations can now, additionally, for activities falling under the scope of the Corps (long term and with Programme Countries) choose to display their offer in the Corps portal.

It is also important to mention that the process does not change for organisations and that the steps to create a volunteering opportunity remain the same in the volunteering database. Organisations wishing so will just have to tick the new relevant box field when creating the opportunity for the offer to be additionally advertised in the Solidarity Corps Portal.

These functionalities have been developed with the objective on one hand to get young people more involved in the selection procedure so that it’s doesn’t only remain a one way process, with young people waiting to be contacted by an organisation and, on the other hand to provide and ease the contact/application/selection process.

Should you have any further questions remaining, please do not hesitate to contact the EYP support team at Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. necessario abilitare JavaScript per vederlo.
vendita peuterey online uno strumento valido per Corpo europeo di solidarietà e per le organizzazioni SVE

peuterey sceptre Università Cattolica del Sacro Cuore

peuterey sceptre Università Cattolica del Sacro Cuore

Laurea in Giurisprudenza, Dottorato Agrisystem, candidatura inoltrata via web e assunzione nella sede di Malm in Svezia. Francesca Lotta ritiene che la formazione interdisciplinare di alto livello ricevuta, sia stata fondamentale per il suo percorso professionale. Agli studenti consiglia: appassionarsi e abbandonare una visione tradizionale del diritto. La legislazione sempre pi tecnica e una solida conoscenza del diritto non basta, necessario sviluppare competenze trasversali e interdisciplinari, specialmente quando si lavora in settori altamente innovativi. Ma non guasta mai essere curiosi, mettersi in gioco e non aver paura di cambiare idea, Paese e prospettive

Laureata triennale in Scienze dell’educazione e delle formazione nel dicembre 2012 con una tesi dal titolo “Dal curare al prendersi cura. Responsabilit e alterit relatore Prof. Adriano Pessina, a Parigi da un anno dove lavora come educatrice con adolescenti autistici. tanto all’Universit Cattolica perch grazie alla laurea in Scienze dell’educazione ho imparato che non valgo n pi n meno dei ragazzi per cui lavoro ma che esiste una relazione che ci arrichisce ogni giorno e che abbiamo solo dei ruoli sociali diversi Leggi tutto

Dalla triennale in Scienze linguistiche per le Relazioni internazionali al progetto Overseas negli Stati Uniti dove ha vissuto un’esperienza di volontariato internazionale grazie al Charity Work Program dell’Ateneo. Il master in Cooperazione Internazionale e Sviluppo (MIC dell’Alta Scuola in Relazioni Internazionali (Aseri) e infine, l’Executive master in Social Entrepreneurship (EMSE) dell’Alta Scuola Impresa e Societ (Altis), dove ha vinto una borsa di studio totale di Ubi Banca: stata la chiave di volta che ci ha fatto fare il salto dall’idea alla realt Mi ha permesso di capire se il modo in cui stavamo strutturando il progetto poteva funzionare ed era realistico e mi ha fornito diversi esempi di best practices Leggi tutto

Una laurea in Lettere, un Master in Didattica dell’Italiano L2, un biglietto per Hong Kong per uno stage che diventa un lavoro stabile. Nicole Musto, dopo un internship i alla Dante Alighieri Society di Hong Kong, vive e lavora nella metropoli asiatica. La Dante, fondata nel 1889 da un gruppo di intellettuali guidati da Giosu Carducci, tutela e diffonde la lingua e la cultura italiane nel mondo. La sede nella regione asiatica uno dei 401 Comitati sparsi per il mondo.

mia avventura qui a Hong Kong iniziata circa un anno fa, grazie a uno stage all’interno del master in Didattica dell’italiano L2 racconta. stato molto difficile abituarmi alla vita qui: Hong Kong, tra tutte le citt cinesi, un mix tra Oriente e Occidente. una citt viva, ricca di contraddizioni, un punto d’incontro tra persone provenienti da tutti gli angoli della terra e questo mi ha sin da subito affascinato racconta Nicole.

Laureato in Lettere classiche in Universit Cattolica nel 1959, ha poi intrapreso studi in Austria, a New York dove si laurea in filosofia alla Fordham University, a Chicago dove approfondisce la filologia orientale e studia archeologia. Giovanissimo nel 1962, partecipa alla sua prima missione in Iraq come epigrafista, lavorando agli scavi di Nippur, citt sacra dei Sumeri. Due anni dopo, nel 1964 visita la missione italiana a Ebla, dove in seguito verranno scoperti gli scavi reali. Da questo momento entrer a far parte della commissione internazionale per la pubblicazione dei testi. un periodo particolare anche perch sceglievi l’universit senza sapere con precisione quale sbocco professionale avresti trovato. Mi sentivo portato per il marketing, tutto forse sarebbe stato pi facile, ma poi ho fatto una scelta diversa per mettermi alla prova: controllo di gestione, volevo trovare una complementarit nella mia formazione Leggi tutto

Per me che venivo da un paesino in cui non c’erano nemmeno i semafori l’arrivo a Milano stata un’esperienza fortissima, non solo perch passavo dal liceo all’Universit ma anche perch mi ritrovavo in una citt in cui si viaggiava in metropolitana.

La Cattolica stata anche un rifugio per me che ero una fuori sede. Poter mangiare in una mensa pi che decente, avere a disposizione un servizio di assistenza medica,
peuterey sceptre Università Cattolica del Sacro Cuore
le biblioteche in cui trovavo lo stimolo per studiare anche quando non ne avevo voglia, i professori disponibili anche al di fuori degli orari di ricevimento hanno reso il mio soggiorno semplice.

Nei giorni dell Olimpiadi invernali di Torino 20016, decine di sportivi hanno preso la deviazione per Soriso, un paesino della profonda provincia novarese, un pugno di case discretamente anonime, 700 abitanti e un ristorante tre stelle Michelin, che la patron, Maria Luisa Valazza, con un gioco di parole ha battezzato “Al Sorriso”. Il Sorriso di Soriso, secondo la guida enogastronomica pi autorevole del mondo (800 mila copie vendute per 12 edizioni diverse in cinque lingue), uno dei cinque paradisi italiani dell’arte culinaria. Cinquantasei anni, capocuoca di talento, Maria Luisa Valazza espone i galloni per l’undicesimo anno di fila sulle pareti del suo locale. E accanto ai riconoscimenti della Guida Rossa ha sistemato, in una cornice a parte, la laurea in Lettere conseguita all’Universit Cattolica.

Dopo la laurea Cologni scrive saggi, libri specialistici e articoli. Poi, un giorno, incontra Alain Dominique Perrin e inizia la sua scalata in Cartier. E’ sua l’intuizione di lanciare il marchio francese sul mercato italiano. Il successo straordinario. Diventa prima vicepresidente poi presidente esecutivo di Cartier, ottenendo anche un riconoscimento ufficiale da Mitterand: Cavaliere dell’ordine nazionale del merito. Dodici anni dopo, nel 2002, riceve da Ciampi anche il titolo di Cavaliere del Lavoro.

Ma avere idee non basta. Bisogna saperle realizzare, artigianalmente. Cos nel ’95 crea a Milano la Fondazione delle Arti e dei Mestieri per dare un contributo alla formazione di nuovi artigiani e nel ’97 collabora alla creazione dell’omonimo Centro di ricerca dell’Universit Cattolica.

Nel 2004 crea una scuola di designer e professionisti, con la collaborazione della Creative Academy di Milano.

Dai fragori degli anni Settanta, alla verde quiete di Milano 2. E’ stata questa finora la parabola professionale di Emilio Carelli, prima giovane studente di una Cattolica assediata dalla protesta giovanile sessantottina, oggi direttore di Tgcom, testata online di Mediaset che ha i suoi studi proprio nel moderno complesso residenziale milanese. In mezzo un’avventura giornalistica che fin dai primi esordi in Fininvest, agli inizi degli anni ’80, ha avuto molti momenti esaltanti, tra i quali merita una citazione particolare la fondazione del Tg5 insieme a Enrico Mentana.

Dal Liceo Classico di Foggia al dottorato in Scienze umane e sociali all’Universit del North Carolina. Poi docente di studi cinematografici all’ateneo di Pittsburgh, direttore della formazione quadri alla Texas Instruments e da diciassette anni braccio destro di Bernard Arnault, patron di LVHM, primo gruppo mondiale di prodotti di lusso. Quella di Concetta Lanciaux una carriera in continua ascesa, che l’ha portata a essere eletta dal Wall Street Journal tra le trenta donne manager pi influenti d’Europa. E che iniziata in Cattolica, nelle aule della facolt di Lettere classiche.
peuterey sceptre Università Cattolica del Sacro Cuore

peuterey prezzi University of Macerata

giubbotti invernali uomo University of Macerata

The University of Macerata was founded in 1290 and it is one of the oldest universities in Europe. Thanks to the local Confucius Institute, the University of Macerata plays a leading role in promoting Chinese language and culture.

Over the last few years the University has developed a multicampus structure, with some programmes located in the town of Jesi, but with most of its facilities and activities hosted in the open main campus within the city of Macerata.

Macerata is a medium sized town (45.000 inhabitants) in the Marche region, in the middle east side of Italy, not far from important cities like Rome, Florence or Bologna.

The area is characterised by its excellent quality of life, provided by the province’s clean air, parks, and its peaceful yet lively atmosphere felt in all of the cities and towns dotted around the local landscape. Macerata’s location is ideal for reaching all that the province has to offer. The Adriatic Sea Coast, ski resorts, and the National Park of The Sibillini Mountains are all relatively nearby. The Province of Macerata is also notable for its employment rate and the great number of small and medium sized businesses.

Coming to study in Italy can offer a unique cultural experience for students from all over the world.

The University of Macerata was founded in 1290 and it is one of the oldest universities in Europe.

Its main activities are focused on the humanities and social sciences. Macerata is a medieval town and here you can study in ancient and artistically evocative buildings and classrooms.

Over the last few years the University has developed a multicampus structure, with a number of programmes located around the Marche region in the towns of Jesi, Civitanova Marche, Fermo and Spinetoli, but with most of its facilities and activities hosted in the open main campus within the city of Macerata.
peuterey prezzi University of Macerata

outlet peuterey italia Universit degli Studi di Palermo

peuterey cappotti Universit degli Studi di Palermo

Dopo avere effettuato l’accesso al portale con le proprie credenziali personali, cliccare sulla voce di menu Pratiche/Nuova pratica e successivamente, all’interno della sezione “Percorsi Pre FIT e FIT (Formazione, Inserimento e Tirocinio), Scuole di Specializzazione per le attivita’ di Sostegno, Tirocini Formativi Attivi (ex TFA) e Percorsi Abilitanti Speciali (ex PAS)”, cliccare sulla voce “Domanda di Immatricolazione ad un ex TFA o ad una Scuola di Specializzazione per le attivita’ di Sostegno o ad un Percorso PAS, Pre FIT o FIT”.Ci non consentito in quanto i 24 CFU devono essere ottenuti in discipline diverse.La mail dovr avere il seguente oggetto: numero istanza, revisione istanzaPer il conseguimento dei 24 CFU secondo quanto previsto dal DM 616/2017 verr come gi anticipato, attivato tra qualche giorno da UNIPA un Percorso Pre FIT. 616/2017 e allegati per i relativi ambiti e, pertanto, saranno predisposte schede di trasparenza specifiche per ciascuno degli insegnamenti del percorso.L al corso avverr tramite apposito link che verr pubblicato a giorni su questa pagina. 616/2017 in relazione alla necessit di conseguire i 24 CFU coprendo almeno tre dei quattro ambiti, conseguendo almeno 6 CFU per ciascuno degli ambiti scelti.Sono possibili due situazioni:1) il richiedente deve conseguire l “pacchetto” di 24 CFU.In tal caso verr selezionato il Piano di Studi standard del Pacchetto e sar possibile:a) seguire gli insegnamenti (da 6 CFU) desiderati (uno per ciascuno dei quattro ambiti previsti) e sostenere i relativi esami.b) seguire due insegnamenti in uno stesso ambito (12 CFU) e altri due in due ambiti diversi e sostenere i relativi esami. A mero titolo di esempio: Pedagogia Generale e Pedagogia Sperimentale, Antropologia Culturale, Psicologia dell’Orientamento e della Formazione: ambiti: Pedagogico 12 CFU, Antropologico 6 CFU, Psicologico 6 CFU.2) il richiedente ha gi sostenuto nella sua carriera accademica insegnamenti ritenuti validi ai fini dell dei 24 CFU richiesti dal DL 59/2017 e DM 616/2017.In tal caso sar dapprima necessario indicare gli insegnamenti da convalidare per il Percorso Pre FIT (ad esempio, quelli gi certificati tramite la piattaforma informatica UniPA) e allegare il file pdf relativo alla certificazione/attestazione. Nel caso in cui la certificazione/attestazione fosse stata rilasciata da altra/e Universit essa dovr TASSATIVAMENTE contenere indicazioni su SSD, CFU, Obiettivi Formativi e votazione finale per ciascuno degli insegnamenti che si desidera far convalidare).Infine, bisogner specificare quali degli insegnamenti previsti dall’Offerta Formativa del Percorso Pre FIT si desidera inserire nel proprio Piano di Studi a completamento dei 24 CFU richiesti dal DM 616/2017. Anche in tale caso sar necessario fare estrema attenzione a quanto previsto dalle norme in relazione alla necessit di conseguire i 24 CFU coprendo almeno tre dei quattro ambiti, conseguendo almeno 6 CFU per ciascuno degli ambiti prescelti.
outlet peuterey italia Universit degli Studi di Palermo

costo woolrich donna una vera barba moderna

peuterey catania una vera barba moderna

Luciano di Samosata era uno scrittore epicureo che sicuramente piacerebbe a Vittorio Sgarbi. Luciano il siriano sostenne, in uno scritto, che se i filosofi si misurassero in base alla barba, il primo posto spetterebbe alle capre. Ora mi pare di essere circondato da numerosi esemplari simili al suddetto quadrupede ma non si tratta né di filosofi, né di caprini. Ma sono, siamo, uomini masculi, con barba, compatta e fluente, curatissima, lisciata come si usa con il micio che fa le fusa o con il cane, accarezzandolo appena. Ecco che la barba ha assunto una sua dignità non più barbona e barbosa ma elegante, raffinata, di tendenza, non più rivoluzionaria e castrista ma borghese ed elitaria, in contrasto con il filosofo Luciano che, invece, era del tutto glabro e dunque disprezzava il pelo lungo sul mento e sulle gote dei suoi contemporanei. La barba è il momento del passaggio dall all cresce imprevista anche se attesa, grigiastra e poi nera, infine bianca, rada e poi folta, ispida ma acchiappante, tortuosa maschera attorno all che muta espressione e lo stesso corpo assume una sembianza diversa. Miracolo del pelo, oserei dire se non fosse uno slogan ambiguo. Ma tant Ecco che gli hipster hanno incominciato il loro tam tam ed è tornata di moda la barbieria, non certo la barberia, come qualche ignorante scrive anche sull della bottega; la barberia è una zona geografica dell e nulla c con il salone (barbieria) nel quale ci si accomoda per il rito, rasoio, pennello, sapone che fa montare la sua schiuma, soffice, morbida, bianca, come neve (Giorgio Gaber ma era lo shampoo), avvolge il viso, diventando tutti Babbi Natale anche ad agosto, poi la lama provvede al taglio ma è leggero, la barba deve restare tale ma non quale, viene appena sfiorata dalle forbici che non sono cesoie. Hipster, dunque. un termine anglosassone nato negli Stati Uniti, attorno agli anni Quaranta e riservato agli amanti di bebop e hot jazz (hip in gergo) in contrapposizione a quelli dello swing. Al tempo erano figure anarchiche, prive di morale, gentili e però decadenti, secondo la definizione descritta da Frank Tirro, forse il più grande studioso di musica e di jazz, anche clarinettista, nel suo libro a History Ma escludo che gli hipster contemporanei, quelli nostrani soprattutto, conoscano Tirro e il decadentismo. Ecco dunque apparire lungo le strade, dietro i banconi, all di ristoranti e discoteche, baffi e barbe dei pionieri dell rivisti e corretti secondo usi e costumi, nel senso di moda, di abbigliamento, di dandismo a volte eccessivo. Ecco il rilancio dell baffuto sempre piaciuto ma se c il baffo spesso spunta la barba, sempre più lunga e curata sotto il mento. furba, è bella ma non bela, cioè capra, capra, capra. E chiedo scusa al Maestro di Ferrara.
costo woolrich donna una vera barba moderna

peuterey donna outlet Una regione che ha smarrito il suo cuore

peuterey group Una regione che ha smarrito il suo cuore

di Enzo Verrengia

Il suicidio del generale Guido Conti e la sua lettera in cui fa il mea culpa per la tragedia di Rigopiano dovrebbero indurre a proporre nei canali della comunicazione e della riflessione culturale il caso Abruzzo. In Italia c da sempre un federalismo della cronaca e del costume molto pi sentito di quello politico e amministrativo. Cos per esempio, la Campania si trascina dietro un criminale oggi sintetizzata in una parola soltanto, Gomorra. Dal capo opposto della penisola, la Lombardia sinonimo di sviluppo anche oggi che imperversa la deindustrializzazione. Poi ci sono le regioni eclissate, come l le Marche e il Molise. Ma l Questa la regione di Chieti, che Mussolini defin camomilla di retaggi dannunziani elevati a retorica irrilevante, di un Flaiano rievocato in una rassegna annuale che porta a Pescara tanti big senza che se ne abbia la giusta risonanza fuori dalla zona. Da ultimo, le catastrofi sismiche, idrogeologiche e ambientali, si veda il caso di Bussi e il relativo procedimento giudiziario. A tutto questo si aggiunge una serie nera di scomparse, femminicidi e suicidi.

Che fine hanno fatto i gentili dell Scriveva Ignazio Silone in L di un povero cristiano: regione che, per l dei suoi valichi d e il carattere chiuso dei suoi abitanti, sempre stata di difficile penetrazione a nuove credenze Oggi questo scorcio non vale pi L accessibilissimo. Il che ha permesso una doppia immigrazione. Quella autoctona, peninsulare, prevalentemente dalla Puglia e dalla Campania, e quella internazionale. L forse pi di ogni altro lembo d si rivela di facilissima penetrazione da parte di modelli americani. Scritte in inglese dappertutto, anche nei paesini pi sperduti, da wine bar a happy hour, da country club a bed breakfast, da beauty center a beach volley. Non solo grazie all costruttivo dei collegamenti stradali, a base di viadotti, predelle e altro asfalto, bens soprattutto a una dipendenza compulsiva da televisione, prima di Internet e dei social (?) forum. La regione una volta considerata esemplare per l del paesaggio e delle sue genti sta sempre di pi assimilandosi alle derive delle societ pi avanzate dell Anche per i comportamenti a rischio.

Giulianova, Teramo: un uomo viene accoltellato per una manovra automobilistica. Succede all informatico Paolo Cialini, quarantasettene, ucciso brutalmente dinanzi alla figlia, una bambina di cinque anni, dal caldaista Dante Di Silvestre, cinquantanovenne. Il movente del delitto rimanda alle parole dello psicanalista Emilio Servadio in Uomo o automobile, un pamphlet di mezzo secolo fa sui problemi sorti dall della mobilit su gomma: si trova in possesso, quando guida la sua auto, di una potenza sproporzionata alle sue possibilit naturali Sempre a Giulianova, qualche giorno dopo: una ragazza evita di pochissimo lo stupro nei pressi di un centro accoglienza per profughi. Intanto nel capoluogo della provincia, Teramo, un tempo emblematica per sobria tranquillit si verifica un escalation di furti, rapine, atti di bullismo e violazioni ad ampio raggio del codice penale. Pescara, strada parco, ossia il vecchio tracciato della ferrovia divenuto polmone verde in attesa di trasformazione a percorso molto dubbio di una linea di filobus (ci sono gi i piloni): un professionista spara dal balcone con un fucile a piumini sui passanti. Qualcuno resta ferito.

Nella classifica annuale compilata dal Sole24 Ore Pescara viene collocata al 15 posto in Italia, su 106, fra quelle pi pericolose, stando al rapporto fra popolazione e reati. L scorso vi risultano 17.171 crimini su circa 120 mila abitanti.

Uno stillicidio di cronaca che incomincia almeno un quarto di secolo fa. Nella notte fra il 5 e il 6 ottobre 1991 il legale Fabrizio Fabrizi fu freddato a Pescara con cinque colpi calibro 7,65 alla presenza della collaboratrice e compagna, Patrizia Donatelli. Un episodio eclatante, inusitato e del tutto disomogeneo rispetto all paciosa, edonista e un po fatua della citt adriatica, Tanto che se ne discusse in una puntata di l televisivo di Michele Santoro. Dopo complesse vicende giudiziarie, l resta irrisolto. Non per la sua lettura contestuale. Pescara e l stavano cambiando. Nel mezzo delle montagne, il 20 agosto 1997 avveniva il doppio femminicidio compiuto dal pastore macedone Alivebi Hasani. La sua brutalit si consum su Diana Olivetti e Tamara Gobbo. Scamp la sorella della prima, Silvia, che diede delle circostanze una descrizione agghiacciante, nella sua assoluta aderenza ai fatti.

Un anticipo di quanto poi avrebbe commesso nove anni dopo l Maxim Chernysh, trucidando il polacco Arkadiusz Miksza e la madre Kristina, nella caratteristica zona pescarese di Porta Nuova.

Le nuove forme dell moltiplicano i problemi. Marc Aug parla di Zygmunt Baumann di liquida Il mutamento dello spazio con le infrastrutture di comunicazione crea walkscapes, paesaggi da attraversare. Nei quali termina la vita stanziale e domina il provvisorio, che porta sradicamento, alla perdita di familiarit Del posto in cui era nato, Ennio Flaiano aveva sostenuto: pescaresi credono ancora che la felicit sia nel darsi da fare altrove. Sono fieri delle loro conquiste tecnologiche, tutti hanno una barca a motore, tutti credono nell Questa visione ironica e disincantata, cos propria dell di Tempo di uccidere, non calzava pi Lo stesso valeva per l L del terzo millennio un coacervo di cementificazione diffusa e di scorci montani, forestali e marini dove resiste ancora una bellezza che era soggiogante. L capito bene Guido Piovene negli anni quando fra le pagine di Viaggio in Italia descrisse Pescara quale miniatura di Los Angeles. Identica alla metropoli californiana per la pianta a griglia e per la propensione rivierasca. Purtroppo, come Los Angeles, destinata a un urbana irreversibile. Lo sanno gli abitanti di piazza Muzi, divenuta il cuore di una movida rumorosa, alcolica, aggressiva, contro la quale si scatenano solamente polemiche incrociate, senza che si riesca a conciliare le ragioni degli esercenti con quelle dei residenti.

Si provveduto allo sgombero, fortunamente pacifico, del mercatino etnico situato per anni sotto il contrafforte della ferrovia, accanto alla modernissima stazione di Pescara. L stazionavano con i loro banchi vendita senegalesi e nigeriani. Pi volte minacciati dagli xenofobi di Forza Nuova, che quando a suo tempo venne in visita l Ministra Cecile Kienge tappezzarono il capoluogo abruzzese di cartelli con la scritta l dei popoli La scelta del termine non era metaforica, come in Marx. Una consistente parte dello spaccio, infatti, veniva segnalata nelle comunit africane.

Si levano le proteste dei balneatori e dei cittadini che non accettano l di migranti di origine africana negli alberghi della riviera.

Sull incombe Chieti, la camomilla dove la concentrazione di studenti fuori sede prosegue, in combinata con il disagio sociale provocato dalla crisi economica, che in Abruzzo ha colpito duro. Avendo puntato tutto e pi di tutto sul commercio e su alcune fabbriche, senza un appoggio terziario, la caduta dei margini di profitto dal 2008 sfociata in disoccupazione, perdita di certezze e disturbi delle personalit Qualche anno fa un individuo dai forti problemi mentali ha messo in pericolo la citt con una bomba dinanzi al tribunale.

Si aggiunto il terremoto del 2009. L era una citt ricchissima e signorile, popolata da imprenditori e professionisti che non avevano bisogno del posto fisso per realizzare un reddito pi che dignitoso. La catastrofe geologica ha lasciato rovine non solo edilizie. Oltre ai morti sotto le macerie vi sono quelli viventi che non riconoscono pi il proprio habitat. Sul quale si accanisce uno sciacallaggio di cui non si d sufficiente notizia. Le abitazioni dell piene di oggetti di valore, di computer e altri beno, sono state via via cannibalizzate da bande in prevalenza di rumeni. Le autorit registrano una forte incidenza criminale nell Mentre i mobilifici della Val Vibrata, nel teramano, accusano la concorrenza al ribasso delle manifatture d e stentano a reggere l di un darwinista.

Le esplosioni sempre pi frequenti di violenza omicida e autolesionista risentono perci di un disorientamento antropologico legato alle vicissitudini del posto, passato dalla crescita e dall alle difficolt odierne. S un fattore umano altrettanto significativo: l percentuale di divorzi, soprattutto a Pescara. La famiglia perde la sua funzione stabilizzante di solidit per divenire un periodo transitorio di coppia. Succede anche altrove, visto il dilagare della condizione post moderna. Solo che nell dalla forte tradizione parentale, la disgregazione del nucleo familiare appare pi rimarchevole.

L inoltre, la si imita anche con l non solo con le insegne in inglese. Los Angeles non basta pi Si punta a Manhattan. Con pi di un decennio di ritardo sul disastro delle Torri Gemelle, fallimento del grattacielo e delle concezioni di Mies van der Rohe, a Pescara imperversa ancora la fascinazione pre 11 settembre. Prospicienti la tangenziale, detta attrezzato sono state erette le torri la cui denominazione deriva da quella di una societ del gas che aveva sede in quell Un pastificio ha edificato il centro direzionale a ridosso dei quartieri di Villa del Fuoco, San Donato e Fontanelle, considerati molto a rischio. Palazzi altissimi che ricordano il quartiere europeo di Bruxelles. Il 16 dicembre 2008 in piazza Salotto, appena modificata da un restauro, veniva scoperta al pubblico un Era l Wine Glass, il bicchierone di vetro, commissionato all giapponese Toyo Ito. Monumentale attrazione che avrebbe oscurato quell rosa vicino ai portici, di cui pare nessuno riesce a spiegare l il significato e l Il 17 febbraio dell successivo, dopo due soli mesi di permanenza, il vetro si incrinava e vi si rimediava con un ponteggio.

Il Ponte del Mare, inaugurato a Pescara l dicembre 2009, un camminamento al di sopra del porto canale, che collega la riviera sud con quella nord. Lo si percorre su due corsie, una pedonale e una ciclabile, entrambe abbastanza affollate. Al sommo della sua arcata, si osserva il panorama della citt Le sopraelevate, la spiaggia strappata al mare con i frangiflutti, i lidi, che qui si chiamano stabilimenti e in effetti sono l della balneazione, il traffico. Da ultimo vi si affiancata un ruota panoramica, che ricorda quelle del Prater viennese e di Londra. Due attrattive che dovrebbero proiettare l nel XXI secolo. O verso una deriva incontrollabile?
peuterey donna outlet Una regione che ha smarrito il suo cuore

giubbotti invernali Una misura atomica per la costante di gravitazione

piumino woolrich bambino Una misura atomica per la costante di gravitazione

Quest’anno ricorrono i 450 anni della nascita di Galileo e, per un fortunato ricorso della storia, lo studio della forza di gravit parla ancora toscano: nell’ambito dell’esperimento denominato MAGIA, Guglielmo Tino e colleghi dell’Universit di Firenze e dell nazionale di fisica nucleare (INFN) hanno infatti misurato con un metodo del tutto nuovo e con alta precisione il valore della costante di gravitazione universale. Il risultato descritto in un articolo su

La legge di gravit universale formulata da Newton afferma che due corpi dotati di massa risentono mutuamente di una forza attrattiva, diretta lungo la loro congiungente, che direttamente proporzionale al prodotto delle masse e inversamente proporzionale al quadrato della distanza che li separa. La costante di proporzionalit la costante di gravitazione universale, indicata tradizionalmente con G.

I pianeti del sistema solare in orbita intorno al Sole: la struttura e la dinamica dei sistemi orbitanti dipendono dalla legge di gravitaizone universale ( JACOPIN / BSIP/BSIP/Corbis)Ma quanto vale esattamente G? Da pi di due secoli, molti fisici hanno misurato con vari metodi il valore di questa costante, a partire dallo storico esperimento di Henry Cavendish, del 1798, in cui fu usata una bilancia di torsione. Il suo valore tuttavia sempre sfuggito a una determinazione accurata. Neppure i pi aggiornati metodi e strumenti di misurazione disponibili negli ultimi anni hanno permesso di venire a capo del problema.

valore ufficiale del Committee on Data for Science and Technology (CODATA) ha ancora una notevole incertezza, perch le misurazioni effettuate in diversi laboratori danno valori che non sono tra loro consistenti: si tratta di un caso abbastanza raro nella scienza moderna spiega a Scienze il professor Tino, responsabile dell’esperimento. che chiaro che le misure sono afflitte da errori sistematici; le misurazioni

condotte finora peraltro sono tutte basate su forme pi o meno avanzate della bilancia di torsione di Cavendish, nel senso che misurano l gravitazionale di una massa macroscopica su una massa molto pi piccola

Il metodo utilizzato da Tino e colleghi nuovo, e si basa sulla tecnica d atomica. interferometro atomico l di un interferometro ottico,
giubbotti invernali Una misura atomica per la costante di gravitazione
uno strumento molto utilizzato nella fisica sperimentale, in cui un fascio di luce separato in due sottofasci, che sono indirizzati lungo cammini ottici separati e poi ricomposti in un punto in cui si osserva il fenomeno dell’interferenza aggiunge Tino. nostro apparato ci che viene separata l’onda di materia, ovvero l’onda che in meccanica quantistica associata a una particella, nel caso specifico a un atomo; quindi non facciamo altro che separare in due l’onda materia di un atomo per poi osservarne la figura d’interferenza, che dipende dalla costante di gravitazione

Nell’apparato sperimentale di MAGIA, atomi di rubidio mantenuti alla temperatura di pochi milionesimi di grado sopra lo zero assoluto, vengono lanciati verso l’alto nel vuoto, grazie a un fascio laser, in una fontana atomica, e quindi risentono dell’attrazione gravitazionale della Terra. Quest’ultima viene tuttavia modificata per una quantit piccolissima, di una parte su 10 milioni, grazie a masse di tungsteno, denominate masse sorgenti.

nostro interferometro cos sensibile che si riesce a rilevare l’effetto delle masse sorgenti e a determinare G con elevata precisione, pari allo 0,
giubbotti invernali Una misura atomica per la costante di gravitazione
015 per cento conclude Tino. tratta di un risultato che fornisce un’indicazione per il valore corretto di G e che potr aiutare a comprendere dove sono gli errori sistematici delle altre misure fine TESTO >

peuterey bambino sito ufficiale Una giovane designer pontina disegna un piumino per Ovs

prezzi peuterey uomo Una giovane designer pontina disegna un piumino per Ovs

Regione Lazio, Zingaretti vince ma la maggioranza in Consiglio non c VIDEO Strage Cisterna, Antonietta è sveglia ma ancora non sa delle figlie uccise. Venerdì i funerali

Coletta: 20 milioni di euro per sistemare tutte le strade di Latina

La collezione, tre modelli donna e due uomo, debutterà il 26 ottobre nel negozio di Formia in via Vitruvio e di Latina al centro commerciale Latina Fiori.

avrei pensato di ricevere l di disegnare un prodotto per un brand importante come OVS commenta Dafne Maio e, ancora di più, di farlo lavorando con un maestro come Alberto Aspesi. Ero incredula quando, su un Freccia Rossa Milano Roma, ricevetti la comunicazione di essere stata scelta. Aspesi mi ha conquistato con la sua passione, l artigianale per il suo lavoro e mi ha colpito la sua capacità di prendermi per mano e trasferirmi il suo sapere. La collezione che ho disegnato tiene conto della cura e della pulizia dello stile Aspesi, cui ho cercato di avvicinarmi con rispetto. Venerdì i funeraliColetta: 20 milioni di euro per sistemare tutte le strade di LatinaStrage di Cisterna, Antonietta Gargiulo si è svegliata in ospedaleAl Senato entra anche Marinella Pacifico, attivista di Latina fruttariana e no vaxVIDEO Cisterna, venerdì i funerali di Alessia e Martina. Sarà lutto cittadino8 marzo, manifestazione a Latina nel nome di Martina e Alessia.
peuterey bambino sito ufficiale Una giovane designer pontina disegna un piumino per Ovs

piumino uomo peuterey Una crescita equilibrata

giacca donna woolrich Una crescita equilibrata

La moda e forse la nostra societ in generale ha una fenomenale capacit di oblio. Ma persino i pi smemorati tra noi farebbero fatica a negare il radicale cambiamento portato da Moncler nel panorama del casualwear in meno di un decennio. Nel 2003, quando l’imprenditore Remo Ruffini compr il marchio da FinPart, che a sua volta lo aveva acquisito dal gruppo veneto Pepper Industries, in pochi indossavano i piumini in citt e persino sulle piste da sci la maggior parte delle giacche aveva imbottiture sintetiche. La piuma d’oca sembrava cosa antica e superata e il piumino classico, in genere lucido e con l’effetto “omino Michelin”, evocava gli anni 80 e i gusti dei pi modaioli tra gli adolescenti dell’epoca, i cosiddetti paninari, che tra i loro brand preferiti avevano eletto proprio Moncler.

A distanza di nove anni i marchi di casualwear e sportswear che avevano abbandonato la produzione di piumini, da citt e da sci, l’hanno ripresa, investendo moltissimo in ricerca, uffici stile e comunicazione. A questi si sono affiancati decine di nomi italiani e stranieri, pi o meno nuovi e con posizionamento di prezzo molto diverso. Moncler continua a svettare su tutti e tutti continuano a guardare all’azienda come al modello da seguire. O almeno, da ammirare.

Al contrario, quasi ci inorgoglisce. Significa che abbiamo colto un bisogno, un desiderio che in qualche modo serpeggiava tra i consumatori e abbiamo poi saputo stimolarlo, coltivarlo, nel modo giusto. A volte ci copiano in modo un po’ troppo palese, ma credo che questo, in fondo, ci rafforzi. Perch l’originale siamo e saremo sempre noi. Quello che ci d veramente fastidio e ci danneggia sono i falsi, in particolare quelli venduti su internet. Abbiamo avvocati che lavorano ogni giorno per far chiudere i siti illegali e per far sequestrare merce contraffatta, ma si ha la spiacevolissima sensazione di cercare di vuotare il mare con un bicchiere.

In termini di fatturato, come si era chiuso il 2011 e come si chiuder il 2012?

Nel 2011 il nostro gruppo, Industries, che comprende anche i marchi Marina Yachting, Henry Cotton’s e Coast+Weber+Ahaus, ha chiuso a 513,4 milioni, con un ebitda di 122,6, pari al 23,9% del fatturato. Per una previsione sul 2012 dovremmo aspettare i risultati di novembre e dicembre, le cui vendite rappresentano il 15% del fatturato annuale. I primi dieci mesi hanno avuto alti e bassi, anche per via del clima, ormai cos bizzarro in ogni parte del mondo. Ma mi sento di dire che anche il 2012 si chiuder con una buona crescita.

Quanti monomarca sono stati aperti e quanti ce ne sono in programma nei prossimi anni?

In nove anni per Moncler siamo arrivati quasi a 84 e 126 se consideriamo anche gli altri marchi del gruppo. Abbiamo cercato di coprire le pi importanti citt del mondo e le migliori localit sciistiche, da Cortina ad Aspen, passando per Gstaad e Chamonix. Siamo pronti ad aprire una ventina di negozi all’anno per i prossimi esercizi, ma solo se troviamo le location che vogliamo a prezzi ragionevoli e con buoneuscite, nei mercati in cui queste pesano molto, che non ci dissanguino. Oggi retail e wholesale si equivalgono per Moncler e in futuro arriveremo probabilmente al 70% per i negozi e al 30% per la distribuzione wholesale. Ma sar pi una necessit che una strategia: ci sono mercati, come l’Asia, dove il wholesale, in cui io credo moltissimo e che ha fatto tanto per il successo di Moncler, di fatto non esiste. Per crescere in certi mercati bisogna quindi per forza investire nei monomarca.

Ogni quanto vengono cambiate le vetrine dei negozi pi importanti e sono pensate ad hoc per ciascun punto vendita?

Mettiamo a punto un’unica creativit e ne prepariamo 3, 4 per stagione. Poi l’adattiamo per ai vari negozi, a seconda che si trovino in citt o in montagna e in funzione della grandezza e quantit delle vetrine.

Qual la percentuale di export e di collezioni donna rispetto all’uomo?

Nel 2003 l’Italia assorbiva il 90% del fatturato Moncler, oggi siamo al 20 25%. Il 30 35% va in Asia, il 30 35% in Europa e il restante 10 15% negli Stati Uniti. Il nostro Paese vale tra il 20 e il 25%. una situazione molto equilibrata che si avvicina al mio ideale, in cui ciascuno dei quattro continenti assorbe il 25% dei ricavi, un risultato che vorrei raggiungere nei prossimi tre, quattro anni e che secondo me la migliore strategia di lungo termine che un marchio possa avere. Un portafoglio mercati equilibrato ci mette al riparo da scossoni valutari e crisi economiche o finanziarie legate singoli Paesi o aree geografiche. La stessa garanzia ce la d la divisione in parti uguali tra uomo e donna, che nove anni fa valeva invece il 90% del fatturato.

Dopo gli occhiali, avete in programma altre licenze?

In realt quella con Mykita, produttore di nicchia, non una licenza, ma una partnership, come quella con Rimowa, per fare un altro esempio. Con l’azienda tedesca, che rappresenta un’eccellenza mondiale della moderna valigeria, abbiamo realizzato un trolley con un’imbottitura di piumino d’oca. Sono progetti di comunicazione, pi che occasioni di business. Ci interessa trasmettere la nostra passione e il nostro impegno per la qualit , le collaborazioni sono un modo per dialogare con il consumatore.

Quanto pesano Gamme Rouge e Gamme Bleu, le collezioni “di lusso” di piumini, e in quanti negozi sono distribuite?

Fin dal 2003 abbiamo reso tutta la distribuzione pi selettiva e questa strategia vale a maggior ragione per le due linee di alta gamma, vendute in circa cento negozi e solo in alcune delle nostre boutique. Lo stesso vale per la linea Grenoble, che si ispira alla storia di Moncler. una linea da sci che non vendiamo nei negozi specializzati in sport di montagna. Bizzarro, forse, ma ci piace cos .
piumino uomo peuterey Una crescita equilibrata